Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:42 METEO:CECINA18°26°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
iPhone 13, recensione video

Attualità sabato 17 luglio 2021 ore 15:57

Movida alcolica, giro di vite del sindaco

Limitazioni alla vendita, somministrazione e consumo di alcolici, superalcolici e qualsiasi altro genere di bevande in contenitori di vetro e non



CECINA — Il sindaco di Cecina Samuele Lippi ha firmato una nuova ordinanza che prevede limitazioni in merito alla vendita, somministrazione e consumo di alcolici, superalcolici e qualsiasi altro genere di bevande in contenitori di vetro e non, fino al 31 Agosto.

Nel dettaglio, si ordina ai pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, alle attività similari come gelaterie o gastronomie, ai circoli privati e agli esercenti il commercio su aree pubbliche, anche in occasione di eventi di somministrazione temporanea, nel dovuto rispetto delle regole di distanziamento sociale il divieto di vendita e di somministrazione in contenitori di vetro, di alcolici, superalcolici e qualsiasi altro genere di bevande ad eccezione: dei clienti ammessi all'interno del locale, dei clienti seduti sia ai tavoli esterni pertinenti il locale, dei clienti che accompagnano e correlano l’asporto delle bevande all’acquisto in via principale di alimenti in vendita presso l’esercizio stesso destinati a costituire un pasto.

Il divieto di detenzione di bevande in contenitori di vetro per il consumo delle stesse su area pubblica vale anche nei confronti dei soggetti fruitori, eccetto quando la detenzione è correlata in via principale all’acquisto o alla detenzione di alimenti destinati a costituire un pasto.

Dalle ore 2 alle 8 di ogni giorno l’ordinanza prevede inoltre sia il divieto di somministrare e vendere alcolici e superalcolici ad eccezione: dei clienti ammessi all'interno del locale e con consumazione esclusivamente all’interno dello stesso, dei clienti seduti sia ai tavoli esterni pertinenti il locale, dei clienti che accompagnano e correlano l’asporto delle bevande all’acquisto in via principale di alimenti in vendita presso l’esercizio stesso destinati a costituire un pasto; che il divieto nei confronti dei soggetti fruitori di consumare su area pubblica.

L'inosservanza del provvedimento è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 500 euro a 5mila euro.

L'ordinanza raccomanda inoltre alle attività dei servizi di ristorazione e ai circoli privati, nonché agli esercizi commerciali al dettaglio quali negozi di vicinato, medie e grandi strutture di vendita che effettuano la vendita di generi alimentari incluse le bevande, di attenersi, con piena responsabilità e rafforzata capacità organizzativa propria, al rispetto delle disposizioni di legge che vietano la vendita di bevande alcoliche ai minori di diciotto anni così come l’incetta o il reiterato acquisto, da parte di neo maggiorenni, di cospicue quantità di bevande alcoliche che presumono, eludendo la norma, la cessione a persone che non avrebbero avuto la possibilità di acquistarle in ragione della loro minore età.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle Valli Etrusche sono 7 i nuovi casi accertati nelle ultime 24 ore. In provincia di Livorno i contagi sono 24
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Sport