Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:CECINA13°20°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il siparietto di Draghi e il pavone: «Ci accompagna da stamattina, sentiamo cosa dice»

Attualità martedì 09 marzo 2021 ore 17:12

Concessioni balneari, una sentenza che preoccupa

Ombrelloni in spiaggia (Foto di repertorio)

L’assessore regionale Marras: “La sentenza cala sull’intero mondo balneare un’altra nube carica di incertezze che devono essere affrontate subito”



CECINA — In vista della scadenza delle concessioni demaniali del 31 Dicembre 2020, la legge 145 del 2018 ha previsto la possibilità di estenderle, con atto dei Comuni interessati, fino al 2033. E così è stato fatto dalle amministrazioni toscane. L’Autorità per la concorrenza, però, ha presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale della Toscana riguardo l’estensione di alcune concessioni per stabilimenti balneari del comune di Piombino. Pochi giorni fa il Tar si è espresso accogliendo il ricorso e, di conseguenza, annullando la delibera del Comune. Decisione che ha sollevato preoccupazioni nel mondo balneare e anche in Regione.

Una preoccupazione che non riguarda solo Piombino ma l’intera costa toscana.

“Esprimo la mia vicinanza, e quella della Regione, alle imprese e ai lavoratori degli stabilimenti balneari piombinesi interessati dalla sentenza del Tar di Firenze, perché dovranno vivere ancora momenti di sconforto ed apprensione in una fase già molto difficile per tutti. – ha commentato l’assessore regionale all’economia e al turismo Leonardo Marras - Ho letto il documento del tribunale amministrativo e sono anche io sinceramente preoccupato: anche se le altre concessioni marittime estese regolarmente entro la fine del 2020 sono legittime e non subiranno conseguenze, questa sentenza cala, di nuovo, sull’intero mondo balneare un’altra nube carica di incertezze che devono essere affrontate subito. Chiediamo al Governo - ha proseguito Marra - di assumere con risolutezza la questione dei balneari e difendere la legge italiana in Commissione europea dalla procedura di infrazione per avviare, così e al più presto, un riordino del demanio marittimo con soluzione certe, solide e durature”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Scattata la denuncia dei carabinieri forestali dopo aver trovato gli animali morti all'interno di sacchi neri pronti per essere gettati nel cassonetto
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità