Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:40 METEO:CECINA15°23°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità lunedì 01 dicembre 2014 ore 13:08

Ticket: da oggi non vale più l'autocertificazione

Cosa succede se un cittadino quando presenta una ricetta non è in regola con la posizione economica presente nella banca dati?



FIRENZE — Dal 1 ottobre è cambiata in tutta la Toscana la modalità di autocertificazione sulla ricetta della fascia economica per il pagamento del ticket, ma fino a ieri, 30 novembre, il cittadino che si presentava negli ambulatori specialistici e nelle farmacie con una ricetta che riportava la fascia economica errata o incompleta, poteva ancora autocertificarla direttamente sulla ricetta. Tutto cambia da oggi, 1 dicembre.
Vediamo cosa succede se il cittadino si presenta a un punto di erogazione (sportello Asl, privato accreditato, farmacie) con una ricetta che ritiene errata o incompleta per quanto riguarda la fascia economica

Nelle strutture pubbliche (sportelli Asl), l'operatore di sportello verificherà direttamente sulle banche dati la reale posizione economica del cittadino, operando poi di conseguenza: se quanto afferma il cittadino coincide con le informazioni presenti nel sistema regionale, l'operatore correggerà la posizione sulla ricetta. Invece, se quanto afferma il cittadino non coincide invece con le informazioni presenti nel sistema regionale ci sono varie possibilità: se il cittadino presenta un attestato cartaceo valido, l'operatore corregge la posizione sulla ricetta; se invece, risulta una situazione anomala, l'operatore la comunica al responsabile aziendale del progetto per le verifiche del caso; infine, se il cittadino non presenta alcun attestato cartaceo valido, dovrà pagare il ticket e l'eventuale ticket aggiuntivo, sulla base di quanto riportato sulla ricetta.

Presso il privato accreditato e le farmacie (cioè gli erogatori che non possono controllare la posizione del cittadino), si continua a consentire l'autocertificazione sulla ricetta, nel caso in cui la ricetta non sia elettronica (cioè ricetta rossa) o dematerializzata (per la farmaceutica, il promemoria da dare al farmacista, che il medico consegna al cittadino). Nel caso di prescrizione elettronica o dematerializzata, il cittadino pagherà il ticket sulla base di quanto riportato sulla ricetta.

Per saperne di più: chiamare il numero verde regionale 800 556060 oppure visitare il sito  www.regione.toscana.it/salute oppure quelli di ciascuna azienda sanitaria.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno