Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:CECINA13°20°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il siparietto di Draghi e il pavone: «Ci accompagna da stamattina, sentiamo cosa dice»

Attualità venerdì 30 aprile 2021 ore 16:43

Secche di Vada, c'è già un progetto per tutelarle

L'associazione Salviamo le Secche di Vada, Fipsas e Fiops hanno espresso contrarietà al percorso per la rete Natura 2000



ROSIGNANO MARITTIMO — L'Associazione Salviamo le Secche di Vada insieme a Fipsas e Fiops (Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee e Nuoto Pinnato e la Federazione Italiana Operatori di Pesca Sportiva) hanno fatto il punto sulle recenti decisioni dell'Amministrazione comunale di Rosignano Marittima di prevedere l'inserimento delle Secche di Vada nella rete Natura 2000, progetto dell'Unione Europea per la conservazione degli habitat, e di non sostenere il progetto dell’associazione.

Il progetto proposto dall'associazione prevede la realizzazione di dissuasori per impedire la pesca a strascico illegale e la posizione di barriere artificiali con funzione di nursery, per garantire la continuità di specie ittiche, coralligene e di flora marina a rischio a causa della forte antropizzazione dell'area delle Secche di Vada (leggi qui l'articolo collegato).

"Le associazioni, congiuntamente, esprimono la loro contrarietà rispetto a questa opzione, in quanto ritengono che i tempi necessari al raggiungimento dell'obiettivo dell'inserimento nella rete Natura 2000 siano troppo lunghi per garantire una protezione del sito nel breve e nel medio periodo. - hanno commentato - L'associazione Salviamo le Secche di Vada ha da tempo reso disponibile il proprio progetto. Sarebbe necessario attivare una conferenza dei servizi e iniziare a discutere il progetto".

L'associazione comunque ha intenzione di portare avanti questo progetto.

"Chiameremo all'appello anche tutte le associazioni che in queste settimane hanno manifestato vicinanza e condivisione del progetto, e lo faremo nelle prossime settimane organizzando una manifestazione per esprimere ulteriormente la nostra contrarietà all'inserimento delle Secche di Vada nella rete Natura 2000 con l'obiettivo di aprire velocemente una conferenza dei servizi che dia una risposta veloce al problema gravissimo della pesca a strascico illegale".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Scattata la denuncia dei carabinieri forestali dopo aver trovato gli animali morti all'interno di sacchi neri pronti per essere gettati nel cassonetto
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità