Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:40 METEO:CECINA15°23°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità martedì 16 aprile 2024 ore 12:24

Insetti dannosi per le piante, la lotta continua

Dopo il focolaio individuato a Lillatro, diverse le azioni messe in campo per contrastare la diffusione del Cerambicide dal collo rosso



ROSIGNANO MARITTIMO — Mercoledì 17 Aprile 2024, dalle 17 alle 18,30 presso l’Auditorium in Piazza del Mercato a Rosignano Solvay, il Servizio Fitosanitario della Regione Toscana incontrerà le associazioni e i cittadini del Comune di Rosignano Marittimo per fare il punto sul focolaio di Cerambicide dal collo rosso (Aromia bungii), un insetto di origine asiatica che è stato individuato nell’estate 2023 in località il Lillatro a Rosignano Solvay e che purtroppo è ancora presente sul territorio comunale.

Questo organismo, nocivo per le piante, ha la caratteristica di nutrirsi voracemente del legno dei Prunus (albicocchi, susini, mandorli, ciliegi, peschi, mirabolani) portando le piante infestate rapidamente a morte. Questo è il principale motivo per il quale l’Aromia bungii viene considerata dall’Unione Europea uno degli organismi più nocivi per la frutticoltura. 

Come prevede la normativa di settore, a seguito del ritrovamento sono state realizzate molte attività per tentare di eliminare il Cerambicide dal collo rosso, e tra queste la più importante e gravosa è stata l’abbattimento e la distruzione di oltre 800 piante in soli 3 mesi.
Si è trattato di un lavoro imponente, che il Servizio Fitosanitario ha svolto grazie alla collaborazione della cittadinanza, che si è dimostrata molto sensibile alla tematica, e al supporto del Comune di Rosignano Marittimo, della società Solvay e dei Carabinieri Forestali.

La lotta a questo insetto tuttavia non si è conclusa, e per prossimi anni, almeno 4, si dovranno realizzare ancora molte attività e in particolare si dovrà scongiurare la presenza di altre eventuali piante infestate.

Durante l’incontro di mercoledì 17 Aprile, gli Ispettori Fitosanitari del Servizio Fitosanitario illustreranno le caratteristiche dell’insetto, le operazioni condotte fino ad oggi e le attività in progetto.

Il Servizio Fitosanitario della Regione Toscana, nel rispetto della normativa europea, ha pianificato tutte le azioni necessarie per eradicare l’Aromia bungii; infatti la lotta a questo insetto è obbligatoria, ma soprattutto è indispensabile per preservare le nostre coltivazioni e la nostra economia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno