QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 15°22° 
Domani 14°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
venerdì 18 ottobre 2019

Spettacoli venerdì 25 gennaio 2019 ore 13:00

Visioni a Rosignano, il festival cinematografico

Giulio Rotelli

Intervista a Giulio Rotelli, Vicepresidente dell’Associazione Ondaradioattiva e ideatore del primo festival cinematografico dedicato agli anni 80



ROSIGNANO M.MO — “Sarà un’esperienza profonda, immersiva e caratterizzata dall’introduzione di un grande interprete e cultore della materia” rassicura Giulio Rotelli e precisa “porteremo sul grande schermo pezzi di storia cinematografica legati al tema dell’adolescenza e della crescita personale, cercando di restituire al pubblico quelle magiche atmosfere che hanno reso unica la nostra giovinezza”. Segue l’intervista.

Come è nata l’idea?

“Parlando con i frequentatori abituali dei cinema di Rosignano Solvay e Castiglioncello, e con gli utenti dei canali social dedicati alla programmazione cinematografica, abbiamo capito che queste persone avevano molte idee interessanti e aspettative inespresse nei confronti dei loro cinema di quartiere. Tra le tante proposte più voci chiedevano con convinzione la possibilità di rivedere, o meglio, vedere per la prima volta sul grande schermo i capolavori dell'infanzia e dell’adolescenza. Tutti quei film, oggi considerati a ragione dei cult, che hanno lasciato una traccia profonda nel cuore e nella memoria delle persone."

Chi presenterà questa rassegna cinematografica?

“L’abbiamo immaginata come un’esperienza profonda e coinvolgente. Il pubblico dovrà sentirsi immerso nella visione, non vogliamo che il tutto si riduca ad una semplice sequenza di film messi in programmazione. Ma per realizzare questa magia serve l’intervento di un narratore d’eccezione, qualcuno in grado di dare il giusto contesto e di inculcare negli spettatori il giusto stato d’animo. Abbiamo pensato fin da subito a Simone Stefanini, caporedattore del sito Dailybest.it, redattore di Rock.it, ma soprattutto autore del libro “La bella nostalgia” (edizioni Bravagente 2018). Interprete perfetto per il ruolo, a nostro avviso.”

Puoi dirci qualcosa di più sul progetto?

“Come Associazione ci siamo confrontati a lungo con Simone. Erano molti i film che avevamo in mente e che potevano solleticare l’interesse del pubblico, ma non volevamo buttare in rassegna pellicole cult a caso. Doveva esserci continuità tra le varie proiezioni, un filo conduttore. Simone ha tirato quindi fuori un tema, quello dell’adolescenza: film che parlassero d’infanzia, amicizia, avventura, ma anche del passaggio alla vita adulta. Una sorta di esperienza formativa da trasmettere anche allo spettatore. E noi non potevamo che essere concordi.”

Quali film verranno proiettati in rassegna?

“Abbiamo ristretto la platea a cinque titoli. Sarà un percorso nostalgico ed avventuroso, che inizierà con il film cult più cult degli anni 80, “I Goonies” (1985), pellicola che ha fortemente ispirato il recente e pluripremiato serial di successo prodotto da Netflix: “Stranger Things”. Proseguiremo poi con un film iconico, nato dalla trasposizione di un racconto frutto della prolifica mente di Stephen King; una meravigliosa storia di amicizia e crescita che tutti noi abbiamo visto almeno una volta, parliamo di “Stand by Me - Ricordo di un’estate” (1986). La terza pellicola in proiezione sarà un film che ha turbato il sonno di migliaia di adolescenti, ci tufferemo nell’universo horror e immaginifico di Freddy Krueger con “Nightmare - Dal profondo della notte” (1984). Il quarto lungometraggio in rassegna sarà, invece, uno dei capolavori di John Hughes, il film che ha dato vita al filone teen-drama, parliamo di “Brekfast Club” (1985). Chiuderemo la rassegna con un film che ha segnato la storia della cinematografia italiana, una pellicola che ha raccontato con leggerezza e passione l’amore adolescenziale che dura una sola estate, e che rievoca il sapore salato dei baci dati in riva al mare, ovviamente stiamo parlando di “Sapore di Mare” (1983).”

Dove si svolgerà la rassegna?

“La cornice che abbiamo scelto per la rassegna cinematografica Visioni sarà quella del Cinema Teatro Solvay, struttura recentemente restituita al pubblico e rinnovata nelle tecnologie di proiezione. Rappresenta, a nostro avviso, il luogo ideale per questo progetto. Oltre a richiamare le atmosfere tipiche dei film in cartellone, il Cinema Teatro Solvay è sempre stato il cuore pulsante delle attività culturali della nostra comunità. Tutti noi abbiamo scoperto ed imparato ad apprezzare in questo luogo la settima arte, quella della cinematografia.”

L’evento prevede un contributo?

“Ci saranno diversi costi da sostenere, in parte già coperti da sponsor privati, ma servirà un piccolo sforzo anche da parte di chi vorrà intervenire alle proiezioni. Pagando 5 euro si potrà godere dell’introduzione al film curata da Simone Stefanini, della visione dei trailer di lancio originali, e naturalmente si potrà assistere alla proiezione del film, il tutto nel contesto dell’atmosfera vintage regalata dal Teatro Cinema Solvay. Gli spettatori più giovani avranno l’occasione, forse unica, di vedere questi capolavori su grande schermo, mentre i meno giovani potranno fare un piccolo tuffo nel passato ed assaporare attimi intensi della loro giovinezza. Un piccolo prezzo da pagare per avere tutto questo, se ci pensate bene.”

Quando ci sarà la prima proiezione?

“Giovedì 31 gennaio, ore 21.30, vi aspetto tutti al Cinema Teatro Solvay per la proiezione de “I Goonies” la pellicola che inaugurerà la prima edizione del festival cinematografico Visioni a Rosignano, curato e organizzato dall’Associazione Culturale Ondaradioattiva, in collaborazione con Decima Musa e presentato da Simone Stefanini. Naturalmente ringraziamo tutti gli sponsor che hanno contribuito all’evento e che potrete scoprire sulla locandina ufficiale.”



Tag

Catania, ritrovata la «biga di Morgantina» rubata dal cimitero monumentale

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cultura

Attualità

Attualità