Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:08 METEO:CECINA17°25°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 17 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte e la crisi elettorale dei Cinquestelle. Ma che c’entra il governo Draghi?

Attualità domenica 19 maggio 2024 ore 14:40

Lente sul nuovo progetto del parco eolico

Il sindaco Neri: "Non possiamo dare il via libera ad un’operazione che prevede sul nostro territorio il raddoppiamento della sottostazione esistente"



RIPARBELLA — Il parco eolico “Poggio dei Fontini e Poggio Malconsiglio” di Castellina Marittima al centro di una assemblea pubblica che si terrà martedì 21 Maggio alle ore 21 presso la biblioteca comunale di Riparbella. 

Il progetto è stato presentato in Regione dalla Società Parco Eolico dimenticando di prevedere un adeguato, trasparente e approfondito confronto con i cittadini, gli uffici e l’amministrazione comunale di Riparbella. Per questo la necessità di un’assemblea per illustrare le azioni già intraprese e le caratteristiche di un’opera che il sindaco Salvatore Neri, il vicesindaco Monica Marraffa e l’assessore Alessandro Lucibello Piani definiscono, nella lettera inviata alla Regione.

“Come Amministrazione, pur apprezzando tutte le azioni volte alla produzione di energia pulita, non possiamo dare il via libera ad un’operazione che prevede sul nostro territorio non solo il raddoppiamento della sottostazione già esistente, in modo che possa essere a servizio anche del parco di Castellina, ma anche cantieri di vario genere e l’installazione di due pale eoliche su sette, oltre ad altre che saranno collocate proprio sul confine tra i due Comuni. È sotto gli occhi di tutti – sottolineano Neri e Marraffa - che il progetto ricada molto di più sul territorio di Riparbella che su quello di Castellina ma di questo ‘carico’ abbiamo avuto notizia solo attraverso i documenti presentati in Regione e pubblicati on line, documenti in cui tra l’altro viene dichiarato che il Comune di Riparbella è d’accordo. A febbraio abbiamo ricevuto la richiesta di ampliamento della nostra sottostazione, poi il progetto è passato direttamente in Regione senza alcun passaggio ulteriore e con un’accelerata evidente. Abbiamo già espresso la nostra contrarietà alla Regione, scrivendo al Presidente Eugenio Giani, all’assessore Ambiente ed Energia Monia Monni e alle direzioni coinvolte, oltre a presentare le nostre osservazioni rispetto a un progetto carente della minima documentazione tecnica. Quel che è chiaro è che le opere previste nel nostro Comune sono in assoluto contrasto con le politiche da noi attuate in ordine alla valorizzazione e tutela del territorio e del paesaggio, e alle politiche riguardanti la creazione dei prodotti del turismo sportivo outdoor e del turismo lento, in piena sintonia con gli obiettivi e le finalità del nostro ambito turistico Costa degli Etruschi e della stessa Regione Toscana. Chiediamo pertanto soluzioni alternative per la realizzazione della nuova sottostazione e delle due nuove pale eoliche nel nostro territorio, di fatto impianti industriali mascherati da una falsa ideologia green, che evitino crinali, punti panoramici e contesti idrogeologici vulnerabili quali quelli scelti dal progetto presentato”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Malcapitato un 35enne di origine africana che aveva visionato una casa a Livorno. Versata la caparra non ha avuto più notizie sull'immobile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca