Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:CECINA9°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità lunedì 01 febbraio 2021 ore 15:30

Parole al vetriolo fra Orciano e Scapigliato

La discarica di Scapigliato

Le recenti indagini su alcune attività legate alla discarica hanno spinto la sindaca a chiedere la revoca delle autorizzazioni. Immediata la replica



ROSIGNANO MARITTIMO — La sindaca di Orciano Pisano Giuliana Menci, che già si era opposta al rilascio dell'Autorizzazione integrata ambientale per la discarica di Scapigliato, è in questi giorni tornata alla carica chiedendo alla giunta regionale di valutare il ritiro dell'Aia, anche alla luce delle recenti indagini della magistratura su alcune attività collegate alla gestione dei rifiuti. E la risposta da Scapigliato non si è fatta attendere, con la richiesta che alcune delle dichiarazioni della sindaca vengano smentite.

"Non è bastata la bocciatura del Tar - così da Scapigliato Srl - alla richiesta del Comune di Orciano di annullamento della delibera regionale, che approvava l’Autorizzazione Integrata Ambientale, con l’obiettivo di “chiudere” Scapigliato. Alcuni giorni or sono, attraverso una nota del suo Sindaco, continua l’infinita battaglia di Orciano contro Scapigliato, chiedendo alla Regione, alla Procura ecc., di chiudere l’attività per evidenti inadempienze. Ci dispiace molto che il Comune non abbia mai accettato, invece di fare battaglie di principio, un confronto permanente, che avrebbe consentito e consentirebbe di conoscere ogni giorno le attività che vengono svolte nel Polo Impiantistico. In particolare, quali siano le misure adottate per garantire il progressivo miglioramento delle condizioni ambientali, quali i presidi messi a punto per certificare la permanenza della condizione di salubrità e sicurezza nei confronti del territorio e valutare lo sviluppo del progetto “la Fabbrica del Futuro” che guarda al superamento della discarica e ad affermare la necessità e la priorità di azioni che consolidino l’economia circolare".

"Le ipotesi accusatorie formulate dalla Procura di Firenze a carico di Scapigliato e dei sui vertici, relativamente ad una presunta illecita gestione del percolato (il liquido che si forma sul fondo della discarica), sono appunto ipotesi - ribadiscono dalla società che gestisce la discarica rosignanese -, che noi consideriamo non corrispondenti alla realtà dei fatti. Chiunque può venire e verificare come il ciclo del percolato sia gestito a Scapigliato in totale garanzia dei principi di tutela ambientale e, a nostro giudizio, secondo criteri di correttezza formale e sostanziale".

"La Procura, comunque, farà le sue indagini e noi collaboriamo perché sia accertata la verità - conclude la nota di Scapigliato Srl -. Tuttavia non corrisponde al vero la rappresentazione delle inadempienze che il Sindaco di Orciano prospetta nelle attività svolte dalla Società. Tutte le prescrizioni previste dall’Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale) sono in fase di esecuzione ed i tempi della loro attuazione sono rispettati. Certo vi sono stati ritardi nell’esecuzione delle opere e degli interventi, ma quando vi è stata necessità di proroghe, anche dovute alle difficoltà oggettive che nel corso del 2020 si sono determinate con il Covid, sono state puntualmente richieste ed ottenute. A Scapigliato è tutto trasparente e si opera secondo i principi della legalità e correttezza. Per cui invitiamo il Sindaco a venire a trovarci e gli forniremo ogni informazione necessaria al fine di riscontrare direttamente le inesattezze della sua valutazione. Conseguentemente potrà e dovrà così smentire affermazioni la cui pubblicizzazione getta ingiusto discredito nei nostri confronti e provoca un danno di immagine. In caso contrario, sarà nostro obbligo tutelarci in ogni forma prevista dalle norme".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In provincia di Livorno i nuovi casi di Covid-19 sono 63, mentre in Toscana sono stati accertati complessivamente 595 nuovi positivi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità