Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:47 METEO:CECINA20°30°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
martedì 22 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Autocisterna a fuoco sulla A1, autostrada chiusa e coda di 10 chilometri

Attualità giovedì 06 maggio 2021 ore 16:39

Corridoio Tirrenico, appello a nuovo fronte comune

Riccardo Breda

Il presidente della Camera di Commercio Maremma e Tirreno: "Il nuovo Ministro non fa che ripetere la stessa cosa già affermata dai suoi predecessori"



LIVORNO — "Tirrenica e passaggio di competenze tra Sat e Anas, nomina del commissario straordinario: come nel gioco dell’oca si ritorna alla partenza. Una vera beffa visto che in base a quanto chiarito negli incontri con l’ex Ministra De Micheli tutto doveva avvenire entro entro dicembre 2020. Ad oggi niente è accaduto". Così ha esordito il presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno Riccardo Breda in merito al Corridoio Tirrenico e alle posizioni del nuovo ministro di riferimento.

"Il nuovo Ministro, Enrico Giovannini, non fa che ripetere la stessa cosa già affermata da tutti i suoi predecessori, Del Rio, Toninelli, De Micheli, e cioè che ancora deve avvenire il passaggio della concessione dalla Società autostrade Tirrenica (Sat) (già revocata oltre una anno fa) all’Anas, che dovrà riprendere in mano l’adeguamento del Corridoio. - ha spiegato in una nota - Il mondo produttivo e i cittadini della costa toscana in questo momento si stanno chiedendo quale ostacolo impedisca da oltre 2 anni questo passaggio e perché tutto sembri avvolto in una coltre impenetrabile di silenzio e immobilismo. Tutto questo assume una particolare gravità, poiché la costa toscana risulta totalmente esclusa, a quanto pare, dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), dove apprendiamo che non è previsto alcun investimento infrastrutturale. Siamo prigionieri di una questione burocratica che nessuno sembra avere interesse a risolvere".

"Una delle più grandi preoccupazioni è infatti il silenzio assordante della Regione Toscana, del Presidente Giani e dell’Assessore alle Infrastrutture Stefano Baccelli. - ha aggiunto Breda - Risale a mesi fa l’impegno di Giani di andare a Roma a protestare, se in tre mesi non ci fosse stata risposta sul passaggio di competenze, ma, ad oggi, in un momento determinante in cui si stanno delineando il futuro e la ripresa del Paese, questa presa di posizione non c’è stata, neppure in minima parte. Ci auguriamo che non si aspetti la prossima campagna elettorale per tornare a raccontare la solita novella: i cittadini hanno buona memoria. Qui, la sensazione è di essere dimenticati".

"Un tempo l’immobilismo era giustificato dalle divisioni del passato, ma ora che il territorio è unito da Capalbio a Collesalvetti su questo progetto, le difficoltà sono solo burocratiche. E anche se sappiamo quanto la burocrazia pesa in Italia, in questo caso non può e non deve giustificare questa mancanza politica. - ha concluso il presidente Breda - Tutte le associazioni di categoria, i sindacati dei lavoratori, le associazioni ambientaliste e i cittadini chiedono la messa in sicurezza del Corridoio Tirrenico e, come dico sempre, partiamo dai due estremi: da Capalbio, dove il segmento più pericoloso deve essere adeguato a tratto Anas a quattro corsie il prima possibile, e proseguiamo subito ad eliminare il casello di Vada, dato che Autostrada non è mai stata né sarà più".

La richiesta, infine, a tutti i sindaci e ai parlamentari locali di unirsi in questa battaglia. 

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 4 i nuovi contagi registrati nella provincia di Livorno nelle ultime 24 ore, 45 in Toscana. Nessun decesso collegato al Covid
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS