Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:CECINA10°13°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, Merkel: «Se fossimo nella situazione dell'Italia, mi sentirei meglio»

Attualità lunedì 02 gennaio 2017 ore 15:40

Fratelli d'Italia controlla l'Arci

Massimiliano Rugo

Il presidente Rugo: "Avviati gli accertamenti sulla trasparenza delle attività e dei progetti dell'associazione a Livorno e a livello nazionale"



CECINA — Massimiliano Rugo, presidente della sezione di Cecina di Fratelli d'Italia ha parlato dell'attività di controllo messa in piedi dal suo partito a Cecina: "Fratelli d'Italia - ha esordito Rugo - ha avviato una serie di accertamenti sulla trasparenza delle attività e dei progetti post in essere dall'Arci locale e provinciale. Dopo il blitz a Livorno in piazza Garibaldi del 31 dicembre, dove io e Romiti abbiamo accertato la presenza di una ciclo officina Arci che ripara e vende biciclette a prezzi modici grazie alla manodopera dei richiedenti asilo, il sospetto che queste attività e questi progetti apparentemente nobili siano un mero strumento di propaganda nonché di profitto per l'Arci stessa, si sta concretizzano in una imbarazzante realtà che merita chiarimenti pubblici e trasparenti".

L'Arci secondo Rugo "è una associazione unitaria e verticistica al cui apice vi è solo il Pd, una struttura piramidale nella quale lavorano, regolarmente remunerati, operatori, collaboratori, docenti e coordinatori, gli unici di fatto, insieme al Pd, ad ottenere benefici concreti sotto il profilo economico per i progetti e le iniziative poste in essere sulla pelle dei profughi ma anche dei molti giovani che sognano un lavoro in questi progetti di propaganda che hanno anche la primaria utilità di mostrarsi all'elettorato di sinistra come gli unici paladini dell'antirazzismo e delle libertà democratiche".

Per Rugo e Fdi l'Arci "si è specializzata metodicamente in vari settori della formazione professionale a tal punto da fare invidia e concorrenza agli enti di formazione che però le tasse e i dipendenti li devono pagare davvero. Basta dare uno sguardo al sito internet www.arcilivorno.it alla voce "formazione" per capire di cosa stiamo parlando: corsi di lingue, di educazione, informatica, fotografia e nautica, cinema e videoripresa, photoshop e ripresa video, e ancora Web master, sicurezza stradale e molto altro ancora". 

"Tutto molto ben pubblicizzato - ha concluso Rugo - all'insegna dei "prezzi modici" in virtù delle particolari condizioni di cui beneficiano poiché è risaputo loro non pagano le tasse come altre imprese, in questo caso quelle che si occupano di formazione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In provincia di Livorno 49 nuovi contagi mentre in Toscana, complessivamente, sono stati accertati 559 nuovi casi di positività al Covid-19
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità