comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:46 METEO:CECINA15°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
giovedì 26 novembre 2020
corriere tv
Maradona, la lunghissima fila di tifosi in coda per la camera ardente

Attualità venerdì 23 ottobre 2020 ore 12:31

Covid e scuole, ecco le regole per le famiglie

Varato il vademecum elaborato nell'incontro tra Comune, dirigenti scolastici e pediatri, per gestire l'emergenza Covid nelle scuole



CECINA — Lo scorso 14 ottobre si è tenuto un incontro tra Comune, dirigenti scolastici e pediatri dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest per far luce sulle criticità di questo primo mese di scuola, chiarire dubbi e concordare procedure condivise, al fine di definire una comunicazione chiara ed univoca scuola-famiglia-pediatri. 

Oltre al Sindaco Daniele Donati e all’Assessore all’Istruzione Cecilia Peccianti, erano presenti il responsabile dell’Ufficio pubblica istruzione Luano Casalini, la coordinatrice pedagogica dei servizi comunali 0-6 Laura Balzini, il referente del Dipartimento di prevenzione Vito Conti, il coordinatore Sanitario Zona Distretto e SDS Valli Etrusche Franco Berti, la rappresentante Fimp Graziella Pierini, le dirigenti scolastiche Caterina Startari e Teresa Sconnamiglio, la presidente e la coordinatrice pedagogica della cooperativa sociale ContestoInfanzia, Ernestina Tirinato e Cristiana Berti. 

Durante l’incontro sono state analizzate le procedure da adottare nel caso in cui i bambini presentino sintomi compatibili con il Covid-19, ovvero temperatura corporea superiore a 37,5°, brividi, tosse, difficoltà respiratoria, mal di gola, perdita o diminuzione improvvisa della percezione degli odori, perdita o alterazione del gusto, naso chiuso o naso che “cola”, diarrea ecc… In questi casi l’alunno deve essere allontanato da scuola. È stato poi stabilito che, per un’assenza per malattia fino a 3 giorni (per i nidi e le scuole infanzia) o fino a 5 giorni (per le elementari, medie e superiori) non è necessario il certificato medico e la riammissione a scuola avviene automaticamente. 

Le autodichiarazioni delle famiglie che avvisano gli istituti di assenze per vacanza o motivi/problemi familiari devono essere preventivamente comunicate alla scuola giorni prima, o la mattina stessa in caso di assenza per motivi familiari improvvisi. 

Sono stati poi elencate le modalità di lezione “a distanza”, suddivise per “gruppo-classe” e con professori dedicati. Modalità che consentono di isolare più facilmente i casi positivi o i casi sospetti. È stato inoltre chiarito che - in attesa del risultato del tampone - l’alunno è assente da scuola in forma cautelativa e non è prevista alcuna restrizione per i conviventi, salvo per i fratelli o le sorelle dell’alunno che frequentano nido o scuola dell’infanzia. 

Infine è stato disposto che la stanza d’isolamento (stanza covid) al nido e alla scuola dell’infanzia può non essere necessaria, in quanto i bambini convivono nella sezione-bolla senza distanziamento tutta la mattina, quindi si ritiene più congruo poter restare nella sezione stessa, o in una zona della stessa individuata dagli educatori/insegnanti di riferimento del bambino. 

L’incontro si è concluso con la redazione di un “vademecum”, che contiene le azioni da intraprendere per la gestione dei casi di sospetta infezione da Covid-19 e precisa “chi fa cosa”: scuola, pediatri, famiglia. Un strumento pratico e semplice per fare ulteriore chiarezza e poter gestire le varie situazioni riducendo il più possibile le difficoltà.

Il vademecum in allegato.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità