Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:45 METEO:CECINA14°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, nei cunicoli dei tombaroli: «Una rete tutta da esplorare»

Attualità mercoledì 11 novembre 2015 ore 10:03

Bracconieri attiravano cinghiali per ucciderli

Identificati dalla polizia provinciale hanno infranto le norme sulla caccia. Sono indagati dalla Procura e rischiano anche una condanna per omessa custodia di un’arma



CASTAGNETO CARDUCCI — La Polizia Provinciale di Livorno ha identificato due individui sospettati di svolgere attività venatoria in periodo di divieto generale.
I due uomini, G.F. e E.M. le iniziali, entrambi residenti nella zona di Castagneto Carducci, sono stati individuati dopo un attento monitoraggio iniziato nel mese di agosto: una pattuglia di Guardie Provinciali, durante le normali attività di vigilanza connesse alla tutela della fauna selvatica e della produzione delle colture agricole, scopriva un’area apparentemente destinata a punto di pasturazione per animali all’interno della 'zona di rispetto venatorio' di Castagneto Carducci. Nell’area, infatti, erano stati segnalati diversi danni alle colture agricole da parte di cinghiali e per questo motivo il Comando Provinciale aveva disposto un monitoraggio diurno e notturno per capire se il sito di pasturazione fosse destinato ad attrarre animali selvatici. Cosa che, poi, si è puntualmente verificata, ma oltre agli animali sono stati avvistati anche due individui intenti a curare la pasturazione, muniti anche di armi. In sostanza, davano da mangiare ai cinghiali per poi abbatterli, contravvenendo alle norme sulla caccia

Dato che si configurava un’ipotesi di reato (l’esercizio di caccia in periodo non consentito è punito con l’arresto da 3 mesi a 1 anno o ammenda) è stata informata la Procura della Repubblica che ha assunto la direzione delle indagini disponendo il monitoraggio dell’area, questa volta per l’identificazione dei soggetti coinvolti. Le indagini, che si sono protratte per oltre un mese, hanno permesso di identificare i due individui.  Il P.M. ha, quindi, disposto una perquisizione domiciliare a carico di uno dei due uomini, nella frazione di Donoratico, nel corso della quale sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro fucili, indumenti e strumentazione per la caccia di frodo notturna, oltre a numerose trappole per la cattura e abbattimento di animali selvatici. In più, in un veicolo in uso all’indagato è stato trovato un fucile semi automatico cal.12, anch’esso sequestrato, e la persona rischia ora anche una denuncia per omessa custodia dell’arma.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In provincia di Livorno i nuovi casi di positività al Covid-19 accertate nelle ultime 24 ore sono in totale 75
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca