Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:CECINA15°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
giovedì 15 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Lavoro mercoledì 01 luglio 2020 ore 10:00

“Disdetta del contratto integrativo inaccettabile”

La sede Unicoop Tirreno a Riotorto

Filcams Cgil sul piede di guerra e annuncia lo stato di agitazione dei dipendenti oltre a 16 ore di sciopero a supporto della trattativa



PIOMBINO — "La decisione di Unicoop Tirreno di disdire unilateralmente il contratto integrativo è inaccettabile: ancora una volta saranno i lavoratori a pagare, in termini di salario e di contrattazione acquisita", così Pieralba Freddanni, segretaria generale Filcams-Cgil provincia di Livorno, ha commentato la notizia di Unicoop Tirreno di interrompere dal primo Ottobre del Contratto Integrativo Aziendale (leggi qui sotto l’articolo collegato).

Per questo la Filcams-Cgil ha deciso di proclamare lo stato di agitazione e 16 ore di sciopero che verranno attuate a supporto della trattativa e in difesa del salario dei lavoratori.

“La disdetta del contratto integrativo da parte di Unicoop Tirreno non ci ha colto minimamente di sorpresa: - ha spiegato - era chiaro da tempo che l'azienda avrebbe agito in questo modo. E' apparso subito evidente che l'unico scopo di Unicoop Tirreno era quello di far saltare l'accordo. L'atteggiamento recente dell'azienda è stato a dir poco squallido, ben distante da quei principi che dovrebbero regolare il mondo della cooperazione. Prima è stato presentato il bilancio ai soci al fine di farlo approvare senza contestazioni: il giorno dopo si è cercato di comprare i dipendenti con 200 euro in buoni pasto per il servizio fornito durante l'emergenza Covid-19 e contemporaneamente è stata pubblicamente annunciata la volontà di disdire il contratto integrativo”.

“La Filcams-Cgil - ha aggiunto - è stata sempre al tavolo della trattativa in modo costruttivo, con le proprie proposte, e non si è mai nascosta, a differenza di quanto invece ha fatto l'azienda che ha sempre avuto come principale obiettivo la disdetta dell'integrativo aziendale. Tutto ciò avviene poco dopo la fine dell'emergenza Covid in cui tutti i lavoratori della Coop, con sacrificio, hanno dato il massimo. Noi resteremo da subito in attesa di continuare il confronto con l'azienda”.

Sulla questione è intervenuto anche il sindacato nazionale che ha fissato le richieste per la tutela dei lavoratori: presentare il dettaglio del bilancio del 2019; conoscere a quanto ammonta il premio erogato al gruppo dirigente e alle figure apicali sul consuntivo del 2019; conferma della piattaforma unitaria presentata a Novembre del 2019, confermando la necessità di garantire il perimetro occupazionale e la retribuzione delle lavoratrici e dei lavoratori; al primo incontro utile per la presentazione del bilancio e degli obiettivi della cooperativa siano presenti il direttore generale Canova e il presidente Lami.

Filcams Cgil si è detta pronta a confrontarsi anche con Fisascat Cisl e Uiltucs per riprendere un percorso unitario.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il report odierno non segnala decessi nelle ultime 24 ore. I dati territoriali dai report di Regione e Asl nord ovest
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Politica

Attualità