Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:03 METEO:CECINA10°17°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sale su una piattaforma proibita per scattare un selfie e precipita nel vuoto: morta un’influencer russa

Cronaca venerdì 18 novembre 2022 ore 13:50

Lavoro nero e furbetti del reddito di cittadinanza

Dai controlli effettuati dal Nucleo Ispettorato del Lavoro in provincia di Livorno sono emerse una serie di irregolarità



PIOMBINO — Lavoro nero e false dichiarazioni per ottenere il reddito di cittadinanza. Questo quanto emerso nell'ambito dei controlli effettuati dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro in provincia di Livorno.  

Tra i casi al vaglio, un uomo ha falsificato il proprio domicilio e ha omesso di comunicare che la convivente già fruiva del reddito di cittadinanza. Nell’ambito del controllo, i carabinieri hanno anche rinvenuto nella casa della coppia 51 piante di marijuana e 3 serre professionali per la coltivazione. Un altro caso si riferisce a un cittadino straniero che, per beneficiare dell’assegno, aveva omesso di comunicare lo svolgimento di diversi lavori a tempo determinato e mentito circa l’anno di immigrazione in Italia; i militari di Piombino hanno anche verificato che l’uomo, grazie alle proprie entrate, aveva acquistato un’autovettura di grossa cilindrata durante la percezione del beneficio. Infine è stata denunciata una donna che, all’approssimarsi della scadenza del reddito di cittadinanza, ha omesso di dichiarare che il figlio svolgeva attività lavorativa e presentato nuovamente istanza; anche in questo caso i militari hanno accertato che il coniuge convivente della donna aveva acquistato un’autovettura di grossa cilindrata.

Ha dovuto restituire 700 euro indebitamente percepiti un 51enne di Livorno in quanto, stando alle norme per l'assegnazione del reddito di cittadinanza, non aveva dichiarato all'Inps, nel previsto termine di 30 giorni, l’inizio dell’attività lavorativa del congiunto e quindi maggiori entrate nel nucleo familiare, non consentendo gli adeguamenti della somma percepita. L'uomo, inoltre, è stato trovato a lavorare in nero in una azienda agricola in Val di Cornia. Al titolare della ditta è stata comminata una sanzione di quasi 6mila euro, oltre alla denuncia all’autorità giudiziaria e agli enti competenti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Uno dei due indagati dei furti a Castiglioncelllo era già gravato di una misura di prevenzione del divieto di ritorno nel Comune
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità