Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:10 METEO:CECINA14°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità venerdì 05 febbraio 2021 ore 09:53

Ospedale unico, chiesti tempi e progetti chiari

A chiederlo è la Cgil. Dopo la Conferenza dei sindaci delle Valli Etrusche, proposto un incontro con Asl e Regione per definire modi e tempi



PIOMBINO — “Serve uno sprint per la definizione del regolamento dell'ospedale unico Cecina – Piombino. Il progetto è stato presentato già molto tempo fa, purtroppo oggi stiamo registrando un preoccupante slittamento dei tempi. Siamo consapevoli che la pandemia ha fatto slittare ancora di più la definizione del progetto, ma adesso è venuto il momento di un cambio di passo”.

Sono i rappresentanti provinciali Cgil e Spi-Cgil a sottolinearlo. 

“Nel corso del confronto di ieri con la Conferenza dei sindaci della Società della salute e con i sindaci del territorio delle Valle Etrusche abbiamo concordato di chiedere un incontro urgente con Asl e Regione: vogliamo capire meglio i dettagli dell'operazione ospedale unico ma soprattutto ottenere garanzie in relazione alla tempistica degli step progettuali. - hanno evidenziato - Servono insomma tempi certi e progetti chiari. A chiedere maggior chiarezza in relazione all'ospedale delle Valli Etrusche sono inoltre le stesse lavoratrici e gli stessi lavoratori del mondo della sanità: un progetto ben definito e strutturato riuscirebbe infatti ad attrarre anche un numero più elevato di personale medico e di comparto di cui la realtà ha bisogno”.

“Dobbiamo quanto prima dare risposte concrete ai cittadini delle Valle Etrusche che ormai aspettano da anni la concretizzazione del progetto ospedale unico. Basta indugiare, è giunto il momento dell'agire. Ora più che mai è fondamentale che il territorio resti unito a difesa della sanità pubblica, ogni forma di campanilismo è tanto inconcepibile quanto controproducente. I Comuni della provincia livornese devono fare massa critica, anche in vista dei finanziamenti previsti dal Recovery Fund e dal Piano nazionale di ripresa e resilienza: risorse fondamentali per rinforzare ulteriormente la sanità pubblica e fornire risposte maggiormente puntuali ai bisogni dei cittadini”, hanno concluso.

Intanto davanti all’ospedale di Piombino prosegue il presidio promosso dall’Amministrazione comunale per ottenere risposte su punto nascita e futuro dell’ospedale. Presidio al quale hanno espresso sostegno i sindacati Ugl, Fials e Usb.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 27 i nuovi casi di Covid-19 segnalati nei territori che ricadono nell'ambito Valli Etrusche che comprende la Bassa Val di Cecina e la Valdicornia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport