comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 13°17° 
Domani 15°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
venerdì 29 maggio 2020
corriere tv
Formigoni furioso in tv: «Sulla sanità privata tante storie», non lascia la parola a Majorino e Formigli gli toglie l'audio

Attualità venerdì 15 maggio 2020 ore 09:35

"Imbarcazioni a noleggio ferme a tempo indefinito"

Imbarcazioni (Foto di repertorio)

Gli operatori del turismo nautico scrivono al presidente della Regione Toscana per valutare interventi urgenti per sopravvivere all'emergenza Covid



PIOMBINO — "Azzerate le prenotazioni per l'estate nel settore del turismo nautico a causa dell'emergenza Covid-19 che manda a fondo un settore che in Toscana vale 20 milioni di euro considerato l'indotto". A segnalare le difficoltà dell'attività di Charter Nautico è il Comitato Operatori Turismo Nautico della Toscana guidato da Dario Zana di Scarlino a cui hanno aderito anche attività con base in Valdicornia, San Vincenzo e Salivoli, e all'isola d'Elba, in Maremma e a Cecina.

"E siamo solo agli inizi - hanno commentato - perché la flotta delle circa 200 imbarcazioni a noleggio in Toscana rischia di rimanere in porto a tempo indefinito con danni incalcolabili per gli operatori turistici. Quello che pesa sulle prenotazioni è l’incertezza di quando sarà possibile riprendere l’attività e con quali regole. Fra l’altro il 70 per cento della clientela è di provenienza estera e ancora non si sa quando le frontiere saranno riaperte".

Per questo il Comitato degli Operatori del Turismo Nautico della Toscana si è rivolto alla Regione Toscana con una lunga e articolata lettera aperta per chiedere un intervento che dia certezze al settore, oltre a finanziamenti in tempi rapidi, senza i quali oltre 20 società di noleggio, con un totale di circa 150 dipendenti, rischiano la chiusura. 

"Stimiamo che potremo avere un buon agostocon i clienti italiani ma con 3 o 4 settimane di lavoro siamo lontanissimi dal poter raggiungere il minimo necessario per garantirci la sopravvivenza. - hanno scritto - Purtroppo i costi per gli ormeggi e per le manutenzioni, non sono variati di conseguenza senza aiuti, molte società saranno costrette alla chiusura. Ad oggi ci troviamo nella situazione di non sapere ancora quando potremo iniziare l’attività con conseguente imbarazzo con i clienti che hanno prenotazioni in corso. Non sappiamo quali saranno le regole che dovremo seguire e neppure quando potremo iniziare, di fatto i nostro codice Ateco è ancora inattivo. Immaginiamo che il governo ci consideri alla stregua delle barche a noleggio, barca con equipaggio, ma non è così, la nostra attività non avendo equipaggio a bordo è ben più sicura, e che sia questo il motivo per il quale non siamo ancora stati presi in considerazione". 

Quindi la richiesta di interventi urgenti per uscire da questa situazione.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità