Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:50 METEO:CECINA22°26°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
sabato 18 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Eitan Biran, parla il nonno paterno: «Un giorno mi dirà 'hai fatto tutto il possibile per salvarmi'»

Attualità giovedì 05 agosto 2021 ore 15:25

Gli scavi portano alla luce un'antica fontana

Nel plesso archeologico di San Gaetano - Vada, un nuovo settore di Vada Volaterrana che si differenzia dal quartiere retroportuale



ROSIGNANO MARITTIMO — Presentata la campagna di scavo 2021 condotta dall'Università di Pisa in coordinamento con il Comune di Rosignano Marittimo nel plesso archeologico di San Gaetano - Vada.

Gli scavi hanno portato alla luce i resti di una fontana monumentale con una probabile cisterna ed un'area pavimentata che circonda le due strutture. 

Il sindaco di Rosignano Daniele Donati, l’assessora alla Cultura Licia Montagnani, la direttrice del Museo Archeologico Comunale Palazzo Bombardieri, Edina Regoli e la professoressa Simonetta Menchelli, docente di Archeologia presso il Dipartimento Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa, hanno presentato i risultati della campagna di scavo 2021 del sito archeologico di San Gaetano di Vada.

Gli scavi hanno portato alla luce i resti di una fontana monumentale con annessa cisterna ed un’area pavimentata che circonda le due strutture, adibite probabilmente a camminamento. Si tratta di un nuovo settore di Vada Volaterrana che si differenzia dal quartiere portuale e retroportuale per la tipologia delle strutture e per il loro orientamento.
“Abbiamo portato in luce – ha spiegato la professoressa Menchelli – un settore della vecchia Vada Volaterrana, in particolare edifici che si connotano in maniera più “urbana”, rispetto agli insediamenti ai quali abbiamo lavorato negli anni passati”

Nonostante le difficoltà logistiche e di tempistica legate all’emergenza Covid, i lavori e gli studi sono proseguiti anche nel 2021, con alcune ricerche e analisi geo-morfologiche del territorio che hanno portato gli archeologi dell’Università di fronte a questa nuova importante scoperta.

“Grazie al georadar e alle analisi dei geologi nella zona – ha proseguito la docente universitaria – siamo andati “a colpo sicuro” perché dalla superficie si notava una netta anomalia del terreno. E infatti non appena abbiamo iniziato gli scavi, sono venuti alla luce una fontana ornamentale, che in origine era ricoperta da lastre di marmo pregiato, una cisterna che serviva da serbatoio per la fontana e un porticato per il passeggio. Si tratta di elementi risalenti al I secolo dopo Cristo che hanno una valenza molto importante. Pur avendo lo stesso metodo di costruzione e la stessa forma architettonica di altri elementi rinvenuti nell’area retro portuale di Vada Volaterrana, sono orientati in modo differente. E l’orientamento delle strutture era fondamentale all’epoca e lo è tutt’ora quando vengono fatte scoperte del genere. Significa, infatti, che abbiamo dato alla luce un altro quartiere, rispetto a quelli già rinvenuti, forse più urbano e abitativo degli altri, dove gli individui che lavoravano al porto vivevano e sviluppavano le proprie attività”.

Particolarmente soddisfatto anche il sindaco Donati che ha evidenziato la valenza di questo ritrovamento, sottolineando l’importanza della collaborazione tra l’Università di Pisa e l’Amministrazione Comunale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In provincia di Livorno nelle ultime 24 ore i casi sono 50, 38 dei quali tutti riconducibili al capoluogo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica