Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:20 METEO:CECINA22°27°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Attacco hacker Regione Lazio, Zingaretti: «Attacchi di stampo terroristico, ci stiamo difendendo»

Cronaca domenica 29 novembre 2020 ore 15:57

"Spacciatore invincibile", fino al suo arresto

Quanto sequestrato al latitante

L'uomo era ricercato e latitante da Giugno, quando i carabinieri del Comando di Livorno compirono l'operazione denominata "Colline Bianche"



ROSIGNANO MARITTIMO — Il 30 Giugno, a conclusione dell’operazione denominata “Colline Bianche” contro lo spaccio, i carabinieri del Comando provinciale riuscirono ad eseguire 8 di 11 ordinanze di custodia cautelare in carcere. Il Nucleo operativo della Compagnia di Cecina, da quella data ad oggi, ha continuato ad effettuare indagini, appostamenti e sopralluoghi finalizzati all’individuazione degli ultimi tre destinatari del provvedimento, dichiarati poi latitanti dal Gip di Livorno. 

Di questi, uno è stato finalmente rintracciato nella zona boschiva del Comune di Rosignano Marittimo, località Saracino, dove fino ad oggi avrebbe continuato a spacciare droga, vantandosi anche di essere "invincibile".

Sono stati ancora i militari della Compagnia di Cecina che, con la preziosa e concreta collaborazione delle Squadre operative di supporto dei Battaglioni “Toscana” e “Liguria”, nel pomeriggio di ieri  sono riusciti a sorprendere ed arrestare questo latitante.

Si tratta di un marocchino di 25 anni il quale, sottoposto a controllo, è stato trovato con circa 35 grammi di cocaina suddivisi in 33 dosi, 5.380 euro in contanti, una bilancia di precisione, un coltello a serramanico e tre telefoni cellulari. 

Già da fine Luglio i carabinieri lo avevano individuato e tenuto sotto controllo. "Si vantava con i clienti di essere “invincibile” per non essere stato arrestato nel corso dell’operazione “Colline Bianche” di giugno - hanno sottolineato i dal Comando provinciale carabinieri -e spesso, alle acquirenti donne, vendeva la cocaina dietro prestazione sessuale. Anche lui, come i magrebini arrestati a giugno, aveva attrezzato la sua dimora in un bivacco tra i rovi di un bosco, in pietose condizioni igienico-sanitarie, ove faceva venire i “clienti” che obbligava, tra l’altro, a fargli anche la spesa per essere trattati bene”.

Con questo arresto salgono quindi a nove le persone colpite dalle ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Livorno e i Carabinieri di Cecina sono già al lavoro per la ricerca dei restanti due latitanti.

Scopo dell’Arma è quello di contrastare efficacemente il traffico delle sostanze stupefacenti nella Bassa Val di Cecina fino all’azzeramento.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L’onorevole della Lega Potenti chiede una risoluzione per il casello di Rosignano e la nomina di un commissario di Governo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS