QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 12°14° 
Domani -1°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 10 dicembre 2018

Attualità martedì 27 novembre 2018 ore 17:00

Festa della Toscana a Rosignano, le iniziative

Il programma per le celebrazioni del 30 novembre. Protagonisti saranno gli studenti della scuola Fattori e il Consiglio comunale dei ragazzi



ROSIGNANO MARITTIMO — Il Comune di Rosignano Marittimo celebra la Festa della Toscana in collaborazione con la scuola secondaria di primo grado Giovanni Fattori, invitando il Consiglio comunale dei Ragazzi a riflettere sulla memoria, per presidiare l’uguaglianza e i diritti nella società attuale.

Per questo venerdì 30 novembre promuove al teatro Solvay l’iniziativa “Diritti un patrimonio da conoscere, comprendere e preservare”, aperta ai cittadini e rivolta a tutte le scuole del territorio.

Il programma inizia alle 10 con i saluti istituzionali del sindaco Alessandro Franchi e della presidente del Consiglio Comunale Caterina Giovani e le riflessioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi sulle tematiche inerenti la Festa della Toscana, esaminate in tre commissioni consiliari: la promulgazione delle leggi razziali nel settembre 1938, l’abolizione della pena di morte ad opera del Granduca Leopoldo di Toscana nel 1786 e la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. 

Seguirà la testimonianza di Kitty Braun Falaschi, deportata all’età di 7 anni nei campi nazisti di Ravensbruk e Bergen Belsene. I giovani migranti ospiti dei progetti di accoglienza gestiti da Arci sul territorio interverranno per portare il contributo della loro esperienza di rifugiati in un paese straniero. Infine l’associazione Un ponte per Anna Frank e il Comitato Provinciale Unicef di Livorno porteranno il loro messaggio sui valori fondanti della convivenza civile. Al termine si svolgerà il dibattito che, prendendo spunto dalle testimonianze e dall’analisi dei due episodi storici idealmente opposti - l’abolizione della pena di morte in Toscana e la promulgazione delle Leggi razziali – vuole invitare i giovani (e meno giovani) ad una "cittadinanza attiva", affinché i diritti non restino sulla carta, ma siano impegni precisi da assumere e onorare.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità