Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:58 METEO:CECINA23°29°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Aereo si schianta subito dopo il decollo a Kathmandu: in un video il momento in cui precipita
Aereo si schianta subito dopo il decollo a Kathmandu: in un video il momento in cui precipita

Attualità mercoledì 22 giugno 2016 ore 17:15

Tasse stabili, meno debiti e più aiuti

Il municipio

A un anno dalla firma, Comune e sindacati fanno il punto sugli obiettivi del protocollo d'intesa sulla tutela delle fasce sociali più deboli



ROSIGNANO M.MO — E' passato quasi un anno dalla firma ed è giunto il momento per amministrazione comunale e sindacati (Cgil e Uil di Livorno e Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil di Rosignano Marittimo) di fare il punto sul protocollo d'intesa sulla condivisione di obiettivi comuni per la tutela delle fasce sociali più deboli per il triennio 2015-2018.

"Tra gli aspetti più significativi del 2015 - nota l'assessore al sociale Daniele Donati - c'è l'invarianza della pressione fiscale, con un’inversione di rotta rispetto agli anni precedenti, grazie all’eliminazione della Tasi sulla prima casa, la riduzione Imu al 75 per cento per immobili locati a canoni concordati, l’abbattimento dell’imponibile Imu del 50 per cento per immobili a parenti entro il primo grado e la riduzione della Tari 2016 per le utenze non domestiche per circa l’1,50 per cento medio. Sono rimaste inoltre invariate - aggiunge Donati - le tariffe dei servizi scolastici (mensa, scuolabus e asili nido) mentre sono state confermate per la Tari le esenzioni e riduzioni per grave disagio economico di cui hanno beneficiato nel 2015 circa 300 famiglie per un importo complessivo di circa 84mila euro".

"Sul fronte spese - ha aggiunto Donati - sta continuando il percorso di riduzione dei costi della macchina comunale e della spesa di personale, e lo scorso anno il debito sia stato ridotto di oltre 3,5 milioni di euro passando da 19,6 milioni a 15,9 milioni di euro, con una ulteriore riduzione della spesa per interessi passivi".

Per quanto riguarda gli interventi che più direttamente hanno riguardato il settore sociale, dice l'assessore "sono stati ricordati i vari contributi gestiti nel 2015, tra cui quelli per il pagamento utenze a 142 famiglie beneficiarie, per l’esenzione ticket sanitari a 372 persone beneficiarie, per il pagamento dell’affitto a 237 famiglie e quelli per la prevenzione sfratti per morosità incolpevole a 19 famiglie. Confermati inoltre gli interventi per l’emergenza abitativa, con uno stanziamento di oltre 492mila euro per un totale di 54 nuclei familiari presi in carico".

“Sono soddisfatto - ha dichiarato infine Donati - per il percorso di condivisione che stiamo portando avanti con le organizzazioni sindacali che rappresentano una buona parte della popolazione. Ribadiamo l’attenzione della nostra Amministrazione verso le problematiche sociali, il contenimento pressione fiscale e la tutela delle classi sociali più disagiate, e confermiamo la volontà di proseguire questo percorso di ascolto e di condivisione di obiettivi comuni anche in futuro, con una costante verifica delle azioni messe in campo e delle necessità espresse dai cittadini”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno