Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:20 METEO:CECINA22°27°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Attacco hacker Regione Lazio, Zingaretti: «Attacchi di stampo terroristico, ci stiamo difendendo»

Cronaca venerdì 21 ottobre 2016 ore 18:00

La casa del piacere a due passi dalla stazione

Il centro massaggi gestito da cinesi e sequestrato dai carabinieri non era in un'area isolata della cittadina, ma anzi in una zona di villeggiatura



ROSIGNANO M.MO — Lungo l'Aurelia, a due passi dalla stazione ferroviaria e dalla pineta Marradi. Non era affatto in una zona isolata il centro massaggi gestito da cinesi e trasformato in "casa di piacere" che è stato sequestrato ieri dai carabinieri di Castiglioncello, la collaborazione dei colleghi di Cecina.

Le indagini erano iniziate lo scorso inverno e avevano permesso ai militari di documentare un discreto numero di clienti che pagavano per usufruire di servizi a sfondo sessuale praticati dalle massaggiatrici, alcune non in regola con il permesso di soggiorno. Le attività erano proseguite per tutta l'estate e prima di procedere al sequestro, i carabinieri hanno atteso e documentato un'ultima prestazione da parte di un cliente. 

I gestori del centro, marito e moglie entrambi quarantenni cinesi, sono stati denunciati per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina. I due sono stati sorpresi a violare i sigilli posti al locale per tentare di riprendersi 18mila euro nascosti all'interno di un'intercapedine.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L’onorevole della Lega Potenti chiede una risoluzione per il casello di Rosignano e la nomina di un commissario di Governo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS