Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:CECINA10°12°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Politica martedì 21 luglio 2015 ore 08:50

Rifiuti: la posizione dei 5 Stelle

I dubbi dell'opposizione sulla nuova gestione della discarica che sarà affidata alla società comunale Rit



ROSIGNANO MARITTIMO — In merito alla delibera riguardante la "Concessione della gestione del polo impiantistico di Scapigliato a Rosignano Impianti e Tecnologie s.r.l.", discussa nel consiglio comunale di Rosignano Marittimo il 16 luglio, il Movimento 5 Stelle Rosignano, attraverso le parole del capogruppo Elisa Becherini, dichiara che" in linea di principio potrebbe essere favorevole ad una gestione dei rifiuti che finalmente torni ad essere di competenza totalmente pubblica ma di avere diverse perplessità sulla concessione del polo impiantistico di Scapigliato a R.I.T.".

La delibera è stata approvata e prevede che la discarica di Scapigliato passi al Comune di Rosignano, sia per la proprietà dell'impianto che per la gestione affidata alla società comunale a Rti. 

Il Movimento 5 Stelle Rosignano spiega in una nota le motivazioni al voto contrario. La prima perplessità espressa dai 5 stelle è che "ad oggi, la nostra amministrazione non ha dato certezza se tale gestione sarà totalmente pubblica o, sempre a detta della nostra Amministrazione la normativa da applicare prevederà il possibile ingresso di un socio privato (e quindi l’utilità di questa votazione potrebbe divenire ininfluente visto che stiamo votando una cosa che ancora non sappiamo come sarà formata)".

Il secondo dubbio è che "si vada a creare una nuova società e sembra un gioco di scatole cinesi, ma alla fine chi paga? Il cittadino?". "Inoltre - prosegue Becherino in una nota - c’è il risarcimento previsto dalla sentenza del 25 settembre 2012, risarcimento del danno ai circa 30 residenti che vivono nei pressi della discarica perché, a giudizio della Corte 'il fastidio, il disagio, la tensione psicologica, sopportati a causa dell’inquinamento dell’ambiente domestico, la lesione al normale svolgimento al diritto della vita familiare all'interno della propria casa e del diritto alla libera e piena esplicazione delle proprie abitudini di vita quotidiana sono apprezzabili in termini di danno non patrimoniale che deve essere suscettibile di risarcimento anche in assenza di un reato di lesioni personali in quanto lesivo di valori costituzionalmente garantiti' ".

"Attualmente tale richiesta si ipotizza sia intorno agli 8 milioni di euro più le spese legali - proseguono i 5 Stelle -  Per tale sentenza RIT ha accantonato 2 milioni di euro e per il resto?"
"Per il resto l’amministrazione sostiene che sarà a carico di Rea spa, confluendo in Retiambiente - aggiunge Becherini - Retiambiente che però dovrà valutare questo rischio e di conseguenza Rea perderà parte del suo valore".

Il Movimento auspica "una gestione più oculata, visto che la discarica, in tempi migliori sicuramente, ma per lungo tempo faceva finire nelle casse comunali circa 22 milioni di euro e che comunque anche in questi tempi di crisi riesce a darne 10" .

"Una gestione - prosegue Becherini - più oculata che riguarda anche l’impianto di compostaggio che se non sbaglio nel 2003 ci è costato tre milioni di euro, ma che non ha mai funzionato e abbiamo dovuto smaltire, naturalmente pagando ed ora stiamo aspettando 1 milione e mezzo di euro da ATO COSTA per un nuovo impianto di compostaggio".
"Impianto che ci fa ben sperare, anche se come spesso viene ripetuto dall'amministrazione comunale la raccolta porta a porta ha un costo elevato - aggiunge - Ma invece pagare risarcimenti milionari ai propri cittadini, acquistare costosi impianti di smaltimento rifiuti, non usarli neanche un giorno, dover nuovamente pagare per smantellare lo stesso impianto ed alla fine riacquistarlo uno nuovo costa meno?" 

"Forse con investimenti diversi potremmo essere già a buon punto di quel percorso Rifiuti Zero che - prosegue Elisa Becherini - è stato approvato dall'amministrazione, nel 2013 con ben 15 anni per la sua attuazione, ma intanto in questo passaggio non c’è alcun riferimento esplicito. Rifiuti Zero può rappresentare un'alternativa economica al sistema dei rifiuti tradizionale, dove nuove risorse vengono continuamente utilizzate per rimpiazzare le risorse finite in discarica. Può anche rappresentare un'importante strumento per la riduzione dell’ inquinamento visto che la discarica produce una quantità significativa di inquinamento ambientale".

Becherini conclude dicendo che nella seduta del consiglio comunale "a seguito della richiesta del M5S Rosignano e delle altre opposizioni di fare la verifica del numero legale dei presenti in consiglio comunale, è stata richiesta dal gruppo di maggioranza del PD una sospensione della seduta consiliare di ben 45 minuti, al termine della quale è arrivato un consigliere (sempre del PD) che prima non era presente".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In provincia di Livorno i nuovi casi di Covid-19 sono 63, mentre in Toscana sono stati accertati complessivamente 595 nuovi positivi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità