Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:37 METEO:CECINA14°22°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
martedì 17 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'evacuazione dei feriti da Azovstal, i bus lasciano l'acciaieria

Attualità domenica 16 gennaio 2022 ore 16:20

"Usare tutti gli strumenti per questa urgenza"

Samuele Lippi

Tre le proposte del sindaco di Cecina Samuele Lippi portate all'attenzione del presidente della Regione Toscana Giani per snellire l'iter dei tamponi



CECINA — Riportiamo di seguito il punto di vista del sindaco di Cecina, Samuele Lippi, riguardo le modalità di esecuzione dei tamponi.

“All'inizio della pandemia i tamponi erano un miraggio, i protocolli erano rigidissimi e molto spesso non riuscivamo a farli se non in casi eccezionali. Col tempo il monitoraggio è diventato sempre più diffuso, di fatti in Italia si fanno oltre un milione di tamponi al giorno aggiungendo a quelli molecolari dei lavoratori sanitari anche quelli antigienici veloci che vengono tranquillamente venduti nei supermercati e negozi di cinesi. - ha rilevato - Credo che sia arrivato il momento di superare l’ostruzionismo sulle competenze per svolgere i tamponi, sia per la quantità di professionisti a disposizione, sia a causa del virus che colpisce molti operatori e che comporta una carenza di personale infermieristico negli ospedali. Non è comprensibile e tantomeno accettabile che in un momento di emergenza nazionale non si utilizzino tutti gli strumenti a disposizione per poter gestire questa urgenza".

Per questo il sindaco di Cecina chiede una serie di azioni: consentire agli operatori Oss, così come ai volontari specializzati del 118, di poter effettuare i tamponi, perlomeno quelli di massa; consentire che l’infermiere possa supervisionare le attività degli Oss e validare i test genetici, visto che la maggioranza delle persone se lo fa in casa e non ci vuole uno scienziato per poter leggere 1 o 2 linee; superare l’ipocrisia del contratto di lavoro degli infermieri e consentire anche a loro di poter lavorare al di fuori dell’attività ospedaliera, in particolare nelle abitazioni, tenuto conto della professionalità che hanno acquisito, fornendo così un servizio che oggi è scoperto.

"Credo che questi tre punti vadano affrontati seriamente visto il momento particolare che stiamo vivendo. - e ha concluso - Chiedo al Presidente della Regione Giani di attivarsi in questo senso e valutare queste ipotesi, vista la sua sensibilità".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un’auto e una moto coinvolte nell’incidente. Due le persone ferite e trasportate al pronto soccorso dell’ospedale di Cecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Sport