Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:CECINA11°15°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
sabato 02 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il treno della Circumvesuviana investe un frigorifero sui binari

Cronaca giovedì 02 febbraio 2023 ore 10:41

Raggiro online, versa invece di ricevere soldi

Foto di repertorio

Un 34enne aveva messo in vendita un accessorio nautico, due finte compratrici sono riuscite a raggirarlo allo sportello del bancomat



CECINA — I Carabinieri della stazione di Cecina, dopo alcuni accertamenti ed indagini, hanno identificato le due presunte autrici di un raggiro ai danni di un 34enne di Rosignano Marittimo che aveva messo in vendita sul web un accessorio per la nautica di rilevante valore.

In base alla ricostruzione, la vittima aveva pubblicato un annuncio su un noto sito di e-commerce ricevendo nel giro di poco tempo riscontro da due donne, entrambe residenti nel bergamasco, la quali, simulando interesse all’acquisto, hanno contattato l’uomo per iniziare una trattativa. Una volta pattuito il prezzo, 1.500 euro, le truffatrici hanno fatto credere alla vittima di potergli corrispondere rapidamente la somma pattuita mediante alcune semplici operazioni da eseguirsi presso uno sportello atm, onde evitare i più lunghi tempi di un bonifico. L’uomo ha acconsentito e, quando si è recato allo sportello, ha seguito le indicazioni che le interlocutrici gli fornivano telefonicamente che gli avrebbero consentito di riscuotere il proprio compenso, mentre in realtà stava effettuando sei pagamenti sotto forma di ricariche per carta prepagata.

Quando l’uomo ha realizzato di essere stato truffato, ha provato a contattare le donne che nel frattempo si sono rese irreperibili. Denunciato l’accaduto ai Carabinieri della Stazione di Cecina, sono state avviate immediatamente le indagini seguendo il flusso di denaro; i militari sono così risaliti a due donne di 34 e 38 anni, con precedenti di polizia, che dovranno rispondere del reato di truffa ai sensi dell’art. 640 del Codice Penale.

L’invito dei Carabinieri è quello di denunciare sempre le truffe, anche se smascherate in tempo, per consentire di segnalare alla Giustizia i presunti autori.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Scarascia (Fratelli d'Italia): "È una situazione vergognosa che denunciamo con forza per l’ennesima volta"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità