Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:CECINA8°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
venerdì 27 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il porno di Houellebecq

Attualità lunedì 05 dicembre 2022 ore 15:46

Si allarga il fronte del no al cibo sintetico

Foto di archivio

Dalla Val di Cornia e bassa Val di Cecina all'Elba fino a Livorno, le istituzioni hanno firmato la petizione Coldiretti per tutelare la filiera



PROVINCIA DI LIVORNO — Si allarga il fronte comune contro il cibo sintetico grazie alla petizione promossa da Coldiretti, Fondazione Campagna Amica, Filiera Italia e World Farmers Markets Coalition. L'iniziativa mira a promuovere una legge che vieti la produzione, l’uso e la commercializzazione del cibo sintetico in Italia per tutelare il futuro degli allevamenti e dell’intera filiera del cibo Made in Italy.

Oltre all'adesione a livello regionale (leggi qui l'articolo collegato), tra i sindaci firmatari ci sono quello di Piombino in Val di Cornia Francesco Ferrari, di Rosignano Daniele Donati e di Bibbona Massimo Fedeli, dall'Elba il sindaco di Capoliveri Walter Montagna e il presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano Giampiero Sammuri. Le ultime due firme arrivato dal sindaco di Livorno Luca Salvetti e dal vescovo monsignor Simone Giusti.

“Le bugie sul cibo in provetta confermano che c’è una precisa strategia delle multinazionali che con abili operazioni di marketing puntano a modificare stili alimentari naturali fondati sulla qualità e la tradizione. – ha spiegato Simone Ferri Graziani, presidente Coldiretti Livorno - Siamo pronti a dare battaglia poiché quello del cibo Frankenstein è un futuro da cui non ci faremo mangiare. E’ una battaglia di civiltà. L’adesione di migliaia di cittadini livornesi è fino a qui straordinaria così come della politica e delle istituzioni che hanno subito compreso i rischi di questa deriva senza precedenti e di affiancarci in questa battaglia”. 

L’obiettivo di Coldiretti è impedire che finiscano sulle nostre tavole la carne prodotta in laboratorio, il latte senza mucche ma anche il pesce senza mari, laghi e fiumi, le uova covate senza galline, il miele senza il volo delle api. Prodotti che potrebbero presto inondare il mercato europeo sulla spinta delle multinazionali e dei colossi dell’hitech.

Sono già oltre 200mila le firme raccolte a livello nazionale, mentre prosegue nelle sedi Coldiretti e nei mercati.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Coordinamento Provinciale Rifiuti Zero di Livorno ha promosso un incontro pubblico, Rosignano nel Cuore e 5 Stelle annunciano interrogazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Rubina Rovini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità