Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:CECINA12°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
A Kiev, tra le bandierine ai caduti e l’appello agi alleati: «Mandate armi e munizioni»

Attualità giovedì 23 novembre 2023 ore 12:39

Raccolta funghi,"seguire i consigli dei micologi"

L'Ausl nord ovest ha evidenziato che nell'ultimo mese si sono verificate numerosi intossicazioni da funghi dovute al consumo di specie tossiche



PROVINCIA DI LIVORNO — Nel mese di Novembre si sono verificate nella popolazione numerose intossicazioni da funghi dovute al consumo di specie tossiche o commestibili in quantità eccessive, o in cattivo stato di conservazione o poco cotti o addirittura di funghi crudi. Lo ha evidenziato l'Azienda Usl Toscana nord ovest. 

Molti cittadini si dilettano nella raccolta senza avere le competenze per riconoscere le diverse specie. Quindi, l'Ausl invita a seguire alcuni consigli: innanzitutto i funghi raccolti devono essere puliti dal terriccio e riposti in idonei contenitori come canestri evitando i sacchetti in plastica dove i funghi possono ribollire, diventando tossici; si devono raccogliere solo i funghi interi e in buono stato di conservazione, evitando di prendere quelli troppo maturi o troppo giovani, questi ultimi infatti possono essere facilmente confusi con le specie tossiche; tutti i funghi devono essere consumati in quantità minime, a pasti distanziati e ben cotti, salvo rare eccezioni; data l’abbondanza di funghi in questo periodo, per non intossicarsi, o peggio, prima di consumare funghi è necessario essere ben certi della loro commestibilità sottoponendoli eventualmente al controllo di un micologo della Asl. Se permane un piccolo dubbio sul loro riconoscimento è meglio evitare il loro consumo.

L’Ausl Toscana nord ovest effettua il servizio gratuito di riconoscimento su tutto il territorio di competenza con sportelli dedicati.

La Ausl, inoltee, ricorda a chi avesse la necessità di recarsi al pronto soccorso per una sospetta intossicazione da funghi, se possibile, di portare con sé i resti delle puliture o della cottura, in modo da favorire i micologi delle Asl intervenuti nell’identificazione delle specie ingerite e consentire, così, ai medici di somministrare quanto prima le adeguate terapie.

Nelle foto qui sotto, le specie più pericolose.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tutto si è svolto online tramite un sito di e-commerce dove il malcapitato ha effettuato l'acquisto e diversi bonifici
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità