Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:CECINA16°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
martedì 02 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Amadeus: «Avremo degli applausi finti ma immagineremo che siano del pubblico a casa»

Lavoro mercoledì 17 settembre 2014 ore 18:59

Turismo in calo in collina ed in montagna

La costa tiene, nonostante un luglio disastroso a causa del maltempo, ma crollano gli agriturismi



TOSCANA — Il Centro Studi Turistici per conto di Toscana Promozione, attraverso più di mille questionari rivolti agli operatori toscani ha svolto un'indagine sul turismo in Toscana dalla quale emerge che ci sono circa 100mila presenze in più rispetto al trimestre estivo del 2013 (+0,5%), con aumento del mercato estero (+1,9%). Tuttavia in Toscana si registra una flessione della domanda italiana (-1%) ed i trend sono negativi per le aree di montagna, l'agriturismo e gli hotel a 1 o 2 stelle.
Il turismo toscano tiene, nonostante le piogge e i temporali che di luglio e agosto hanno penalizzato soprattutto la fascia costiera, facendo registrare un calo sentito specialmente nei movimenti del week end. Gli imprenditori intervistati giudicano questa una stagione al di sotto delle aspettative, soprattutto dopo la crescita sostenuta registrata in tutta la regione nella scorsa primavera e nel mese di giugno.
Il meteo di luglio ha complicato la situazione di alcune aree regionali, con cali generalizzati degli arrivi e delle presenze. Invece, un certo ottimismo è stato registrato nelle valutazioni di agosto, con un importante afflusso di domanda fino all'ultima settimana.

Nelle strutture dell'agriturismo il calo stimato è del -3,4%, pari a circa 70mila presenze in meno. La campagna e la collina, insieme alla montagna, sono la tipologia di offerta per la quale si stima un dato di diminuzione pari al -2,1%. L'ulteriore crescita degli stranieri (+0,7%) non è stata sufficiente a compensare il crollo degli italiani. Le nazionalità straniere maggiormente attratte dall'offerta sono risultate gli scandinavi, gli olandesi, i belgi, i francesi, i giapponesi, i russi, gli indiani e i canadesi, oltre agli altri mercati tradizionali.

Per quanto riguarda il turismo balneare, dopo un giugno positivo e il mese di luglio decisamente sottotono, segnali di ripresa sono stati registrati a stagione inoltrata, con un importante flusso turistico che ha interessato l'intero mese di agosto. La costa toscana nel complesso segna il +1,1%, con una sostanziale stabilità degli italiani e una crescita significativa del mercato straniero (+2,1%). Tra i mercati esteri in aumento si segnalano: Svizzera, Spagna, Olanda, Francia, Paesi Scandinavi, Russia, Paesi dell'Est.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità