Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:19 METEO:CECINA14°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
venerdì 05 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Fiorello scatenato entra in scena con la parrucca ballando gli Wham!

Cronaca sabato 21 luglio 2018 ore 16:00

Furti di batterie esauste per rivendere il piombo

Oltre 600 le batterie trafugate nei due centri di raccolta Rea delle Morelline e di Cecina. Sei i denunciati, anche a Santa Maria a Monte e Gavorrano



ROSIGNANO MARITTIMO — A conclusione di un’attività investigativa, i carabinieri di Rosignano Marittimo hanno denunciato un italiano di 55 anni, nonché due marocchini di 38 e 39, per furto aggravato ed attività di gestione di rifiuti non autorizzata in concorso. 

Nello specifico, i furti sarebbero stati compiuti fra il settembre 2017 e aprile 2018 all'interno di due centri di raccolta rifiuti della Rea Spa, nella zona industriale delle Morelline e in via Pasubio a Cecina. Circa 600 le batterie esauste per auto trafugate in più occasioni, che facevano loro gola perché contenenti piombo. La successiva vendita, avvenuta ai centri di raccolta di Santa Maria a Monte e Gavorrano, si stima abbia fruttato ai tre circa 6.500 euro.

Anche i titolari dei due centri che acquistavano le batterie, due italiani di 75 e 59 anni, sono stati denunciati, per i reati di ricettazione e di attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

Il sesto ad essere stato denunciato, sempre per ricettazione e gestione rifiuti non autorizzata, è un cittadino turco di 50 anni, nella cui proprietà venivano stoccate le batterie rubate prima della vendita.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS