Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:CECINA20°30°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
martedì 22 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Autocisterna a fuoco sulla A1, autostrada chiusa e coda di 10 chilometri

Cronaca venerdì 13 gennaio 2017 ore 17:41

Quella nave incagliata nel 2002

La Venus a pochi metri da Castiglioncello

Il caso della Sigma a Livorno, rimasta bloccata a pochi metri da riva, ha fatto rivivere a molti quanto accadde in circostanze analoghe 15 anni fa



ROSIGNANO M.MO — Il mercantile Sigma è a Livorno, a pochi metri dalla rotonda d'Ardenza, dopo avere perso l'ancoraggio e non essere riuscito a tornare al largo. Spinto verso la costa da forti onde causate dal vento.

E sempre in provincia di Livorno, pochi chilometri più a sud, a Castiglioncello, meno di quindici anni fa, accadde un fatto analogo.  

Anche in quel caso era una giornata di libeccio, libeccio forte, con onde alte. Una motonave, la Venus, partita da Port Said e diretta a Marina di Carrara per imbarcare marmo, navigando sotto costa, forse a causa di un guasto notturno, scarrocciò verso Castiglioncello. Si avvicinò pericolosamente a riva e si bloccò nei pressi di una scogliera a Caletta, quella dei Pungenti.

L'equipaggio egiziano si salvò arrivando a terra usando un cavo di acciaio. La nave, di 85 metri, invece rimase ancorata alle rocce a poche decine di metri da una splendida passeggiata a mare e per toglierla ci vollero quasi due anni. Alla fine dopo sopralluoghi, piani, progetti, riunioni, pressioni, si decise che la soluzione migliore era smontarla pezzo per pezzo. 

Dopo oltre un anno dall'incidente, grazie alla volontà del ministero dell'ambiente, a quei tempi presieduto dal cecinese Altero Matteoli, partirono i lavori, eseguiti dalla ditta pisana Teseco, che si conclusero a luglio 2004, quando uno dei tratti di costa più belli della Toscana fu liberato da quello che era diventato un mostro d'acciaio, con un grosso rischio per l'ambiente.     

Nella motonave, di ben 1800 tonnellate, i cui serbatoi erano stati svuotati, furono infatti trovati residui di petrolio. Alla fine però tutto si risolse per il meglio e Castiglioncello tirò un sospiro di sollievo.   

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 4 i nuovi contagi registrati nella provincia di Livorno nelle ultime 24 ore, 45 in Toscana. Nessun decesso collegato al Covid
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS