Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:50 METEO:CECINA21°25°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
sabato 18 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Eitan Biran, parla il nonno paterno: «Un giorno mi dirà 'hai fatto tutto il possibile per salvarmi'»

Attualità mercoledì 04 agosto 2021 ore 16:00

Vandalizzate le opere di Moradi, indagini aperte

Il sindaco Fedeli: "Abbiamo deciso di avanzare formale denuncia con querela presentata alle autorità competenti". Rimosse le opere



BIBBONA — Sono stati diversi gli atti vandalici a danno delle due opere realizzate nel mese di Luglio dallo street Artist Moradi Il Sedicente e posizionate una a Marina di Bibbona e una nel centro storico del capoluogo. Una serie di azioni reiterate e non più tollerabili, che l’Amministrazione comunale ha deciso di denunciare. 

Un esposto, contro ignoti al momento, è stato depositato nei giorni scorsi presso le opportune sedi, la cui conseguenza più immediata sarà l'avvio di un'indagine investigativa per cercare di individuare gli autori. 

"Nel mese di Luglio abbiamo ospitato l'artista fiorentino Sedicente Moradi che, una volta aver recuperato legni sull'arenile e all'interno della Macchia della Magona - ha ricordato il sindaco, Massimo Fedeli - ha realizzato due opere, un caprone, simbolo del Comune di Bibbona e un cervo, posizionati rispettivamente nel centro storico e a Marina di Bibbona. Sin da subito, entrambe sono state oggetto di atti vandalici tanto inspiegabili quanto ingiustificati, suscitando l'indignazione dell'intera comunità. Abbiamo deciso di avanzare formale denuncia con querela presentata alle autorità competenti dal vicesindaco su indirizzo del sindaco nei confronti dei soggetti che sono o comunque saranno – ha concluso Fedeli - ritenuti penalmente responsabili, il tutto dandone peraltro comunicazione all’interno del Consiglio comunale del 31 Luglio scorso, per dare un segnale, un messaggio forte, a coloro che si sono resi protagonisti di questi atti”. 

Entrambe le opere sono state rimosse dalla loro sede naturale, in attesa di installare adeguati sistemi di sicurezza ed evitare in futuro episodi simili introducendo deterrenti purtroppo necessari.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In provincia di Livorno nelle ultime 24 ore i casi sono 50, 38 dei quali tutti riconducibili al capoluogo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica