comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 21°28° 
Domani 21°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Roma, monopattini mania, arrivano gli steward in pettorina rossa: «Mai in due»

Cronaca martedì 02 giugno 2020 ore 13:16

"Cecina ad oggi non ha più casi di Covid"

Lo ha detto il sindaco Samuele Lippi facendo una riflessione su sanità ed ospedale e invitando a pensare al dopo Covid - 19



CECINA — "Cecina ad oggi non ha più casi di Covid 19. È un segnale importante, risultato anche della collaborazione tra cittadini, istituzioni e sistema sanitario. Rinnovo il ringraziamento alla popolazione e a tutti i medici, gli infermieri, gli oss, gli osa, i tecnici e gli amministrativi di questo grande ed importantissimo servizio pubblico".

Lo ha detto il sindaco Samuele Lippi.

"Ora - ha aggiunto - è il momento di pensare al futuro immediato e di farlo in modo concreto. La direzione Asl ha approvato una delibera che inizia, nel post Covid, a dare gambe al progetto dei due ospedali delle Valli Etrusche e lo fa sulla base degli accordi di programma: si parla dell'arrivo di 2 neurologi, 3 pediatri per la notte e 2 anestesisti per i parti. Ci sono quindi risposte alle carenze di personale ma si tratta di medici in convenzione. Bene, ma aspettiamo quanto prima le assunzioni a tempo indeterminato e tutte le altre cose che in quel progetto abbiamo messo. Così come chiediamo la ripresa nel più breve tempo possibile di tutti i servizi di diagnostica e la piena funzionalità della chirurgia, compresa la quarta sala operatoria, e l'attività di elettrofisiologia, così come concordato. Si tratta di decisioni già messe nere su bianco negli atti di programmazione, PAV, PAL e PIS, già approvati dalla conferenza dei sindaci di Area Vasta e dalla SDS Valli Etrusche. Ora si tratta di attendere i risultati in termini di definizione delle priorità aziendali e questa delibera va nella direzione giusta.

Il nostro obiettivo adesso deve essere mettere in cantiere una riorganizzazione logistica dell'ospedale, insieme ad un rinnovato parco di strumenti diagnostici come gli ecografi. L'ospedale ha bisogno di spazi per svolgere al meglio la sua funzione sanitaria e per gestire al meglio il pronto soccorso che ha l'esigenza impellente di essere ampliato, la sala per elettrofisiologia e le attività ambulatoriali che devono trovare nuovi spazi all'esterno. Abbiamo imparato l'importanza della separazione dei percorsi. E per farlo abbiamo l'opportunità di utilizzare l'immobile di via Savonarola come casa della salute, come sede amministrativa aziendale, della SdS ee dell'Estar. Adesso lavoriamo per questo".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cultura