Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:CECINA16°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
martedì 02 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Amadeus: «Avremo degli applausi finti ma immagineremo che siano del pubblico a casa»

Lavoro martedì 26 gennaio 2021 ore 19:00

"Aumentano le attività svolte in modo abusivo"

Nelle case, a nero, tagli di capelli, unghie, depilazioni, imbianchini, muratori e non solo. La Cna lancia l'allarme e chiede maggiore vigilanza



CECINA — “Sempre più imprenditori regolari si lamentano nelle nostre sedi di Cecina e Rosignano della presenza di persone che eludendo fisco, tributi e normative di sicurezza ed igiene effettuano nelle case prestazioni di servizi alla persona, lavori di manutenzione o ristrutturazione edile, elettrica o idraulica, pulizie e stiratura”. E’ l’allarme che Cna a lanciato a tutti gli enti preposti a vario titolo al controllo ed alla repressione di questi illeciti.

“E’ sbagliato e fuorviante – ha commentato il coordinatore di zona Paolo Garzelli - pensare che siano solo soggetti che lo fanno per fame: quasi sempre si tratta invece di persone che hanno scelto deliberatamente ed in modo molto organizzato e continuativo di 'risparmiare' sui costi dovuti da chi fa impresa regolare. Con il calo del lavoro e dei fatturati dovuti alla pandemia ed ai conseguenti periodi di chiusura che si sono susseguiti, le imprese regolari sopportano ancora meno un fenomeno come quello dell’abusivismo che è sempre esistito ma che in questo momento toglie loro ancora più lavoro. La percezione che si ha è che ci siano ancora più persone dedite all’irregolarità". 

"La crisi c’è per tutti, a maggior ragione per chi ha costi fissi quotidiani dovuti per legge.  - ha aggiunto - Alla concorrenza sleale adesso però si aggiungono per i clienti anche tutti i rischi dovuti al non rispetto da parte degli abusivi, dei rigidi protocolli anti-covid cui si sono adeguate, a caro prezzo, le imprese regolari. Ci vengono segnalati in casa tagli e colorazioni di capelli, unghie, depilazioni, tutti servizi alla persona che hanno subito chiusure e pesanti restrizioni igienico sanitarie nelle attività; c’è poi tutta la parte legata all’edilizia ed agli impianti; ci sono le attività di pulizia delle case, i traslochi o la stiratura, quest’ultima talvolta anche proposta illecitamente da lavanderie self service insieme al ritiro e consegna degli indumenti, attività che sono riservate alle lavanderie artigianali". 

"Insomma – ha concluso Garzelli – diventa sempre più dura per gli artigiani andare avanti in questa crisi, anche per colpa dell’abusivismo: chiediamo quindi alle istituzioni maggiore vigilanza, perché gli abusivi diventano sempre più sfacciati offrendo i propri servizi via social e sulle pagine online dei mercatini e dei delivery”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità