Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:07 METEO:CECINA11°14°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
venerdì 23 febbraio 2024

COSE STRANE E POSTI ASSURDI — il Blog di Blue Lama

Blue Lama

Prima di qualunque altra cosa, io sono una viaggiatrice. L'illuminazione arrivò in terza elementare grazie a Goscinny e Uderzo: lessi "Asterix e Cleopatra" e dentro di me si spalancó una voragine di curiosità. A 16 anni Baudelaire mi fornì la chiave di quel desiderio: "I veri viaggiatori partono per partire...". Da tutta la vita, anche senza un perchè, io vado. Non esiste luogo sulla Terra che possa deludermi.

Puntini puntini in Paradiso

di Blue Lama - domenica 15 ottobre 2023 ore 00:05

Kyzylkup o Strawberry Tiramisù - Mangystau - foto Blue Lama
Kyzylkup o Strawberry Tiramisù - Mangystau - foto Blue Lama

La mia scoperta del paese delle meraviglie, il Mangystau, una provincia del Kazakistan che si affaccia sul Mar Caspio, è iniziata all’insegna dello spauracchio dei viaggiatori: l'imprevisto sfigato

Una decina di cantieri sadicamente aperti in contemporanea sulla A1 ha allungato da 3 a 5 ore il tragitto fino all’aeroporto di Fiumicino. Approdata nel parcheggio lunga sosta, ci ho messo altri 40 minuti per coprire i 2 chilometri fino al terminal: l'autista della navetta era rimasto chiuso in un wc. Gli amici in partenza da Malpensa hanno perso la coincidenza da Istanbul ad Aktau, il capoluogo del Mangystau, e la compagnia aerea, in attesa di sciogliere le riserve su come spedirli in tempo utile a destinazione visto che il volo successivo era programmato per TRE giorni dopo, li ha mandati a dormire in un hotel a 90 - sottolineo NOVANTA - chilometri di distanza. In aggiunta, la valigia di una di loro non è mai arrivata neppure a Istanbul, spiacevolissima circostanza sempre, figuriamoci con la prospettiva di una settimana nel deserto

Ma la buona stella del tour operator era con noi: seppure con i 'milanesi' in ritardo di un giorno sulla tabella di marcia, il gruppo si è ricongiunto in terra kazaka ed è iniziato sul serio il nostro viaggio verso l'incanto.

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Baisary Valley - Mangystau - foto Blue Lama

Baisary Valley - Mangystau - foto Blue Lama


Il Kazakistan è una ex repubblica sovietica con un territorio vastissimo, quasi tre milioni di chilometri quadrati, nono posto per estensione nella classifica mondiale. Ci vivono appena 21 milioni di abitanti di etnia mista turco-mongola. L’Italia, per capirsi, ha un territorio 10 volte più piccolo in cui sgomitiamo in 59 milioni. Le principali risorse sono il gas e il petrolio e, nel Mangystau, il turismo è poco più in là degli albori: nella maggior parte dei villaggi c'è la connessione internet e si può pagare con le carte di credito ma gli unici negozi sono spacci di generi alimentari e di prima necessità, non esistono souvenir oggetti tipici da comprare, le strade asfaltate sono poche, cammelli e cavalli vagano in libertà. 

Un piccolo market nel Mangystau - foto Mirella Stolf

Un piccolo market nel Mangystau - foto Mirella Stolf

Cammelli nel deserto del Mangystau - foto Blue Lama

Cammelli nel deserto del Mangystau - foto Blue Lama


Sono invece organizzatissimi i tour in un'area desertica di enorme interesse geologico raggiungibile da Aktau con due ore di jeep. Le agenzie locali forniscono tutto il necessario: fuoristrada, autisti, guide, cuochi, pasti, tende, sacchi a pelo, due materassini a testa. Ai viaggiatori, superaccuditi dai driver kazaki, restano da gestire solo i bisogni primari - fame, sete, pipì e cacca all'aperto - e l’emozione scatenata da meraviglie della natura al cui confronto l’arte dell’uomo è, inesorabilmente, una pallida imitazione.
Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Campo tendato sull'Ustyurt Plateau - foto Blue Lama

Campo tendato sull'Ustyurt Plateau - foto Blue Lama

Il nostro itinerario ha seguito un percorso circolare in quel che resta di uno sterminato oceano mesozoico che poi, nel cenozoico, le collisioni fra l'Arabia e l'Asia e fra l'Africa e l'Europa hanno smembrato nei mari Mediterraneo, Nero, Caspio e di Aral. Oggi, grazie all'azione della pioggia e del vento, da immensi laghi salati si innalzano muraglie ciclopiche e cattedrali di roccia multicolore, costellati di sfere giganti, pinnacoli, archi e falesie candidi come la neve. Un universo parallelo, altro che la galassia lontana lontana di Star Wars.

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Torish - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Torish - Mangystau - foto Blue Lama

Contrariamente a quanto sta avvenendo in altri luoghi del pianeta, ancora poco conosciuti ma già contaminati dalla spazzatura dei primi turisti, il deserto del Mangystau viene preservato o perlomeno i kazaki ci provano: i nostri autisti hanno depositato in grossi bidoni spuntati sul percorso i rifiuti prodotti nel campo tendato, compresi fazzoletti di carta e salviette umidificate, vietato buttarli in giro.

Cassonetti per i rifiuti nel deserto del Mangystau - foto Blue Lama

Cassonetti per i rifiuti nel deserto del Mangystau - foto Blue Lama

La montagna più amata dalla popolazione è a strisce bianche, rosse e marroni e si chiama Bokty. Riprodotta sulla banconota da mille tenge, è un simbolo nazionale.

Bokty Mountain - Mangystau - foto Blue Lama

Bokty Mountain - Mangystau - foto Blue Lama

La formazione rocciosa più nota fra i turisti invece è Kizylkup e ha un soprannome: Strawberry Tiramisù. Il perchè è evidente nella foto qui sotto.

Kyzylkup o Strawberry Tiramisù - Mangystau - foto Blue Lama

Kyzylkup o Strawberry Tiramisù - Mangystau - foto Blue Lama

Raggiungere la cima di molti bastioni del Mangystau non è difficile, i trekking sono brevi, basta un paio di scarpe con un buon grip: ce l’abbiamo fatta tutti. Conquistata la vetta, si è investiti dalla bellezza assoluta: la luce è chiara, prevalgono il bianco e l'argento, la linea dell’orizzonte è infinita.

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Valle di Bozzhira - Mangystau - foto Blue Lama

Bozzhira Upper Plateau - Mangystau - foto Massimo Buttol

Bozzhira Upper Plateau - Mangystau - foto Massimo Buttol

 

Kyzylkup - Mangystau - foto Blue Lama

Kyzylkup - Mangystau - foto Blue Lama

Abbiamo così trascorso sei felicissimi giorni fra discese ardite e risalite, creste e precipizi, scattandoci a vicenda dozzine di foto in cui, sovrastati dalla magnificenza della Terra, siamo minuscoli. Solo irriconoscibili puntini, dispersi fra miliardi di granelli di sabbia assemblati dai millenni e scolpiti dalle tempeste.

Bluelama2023@gmail.com

Un ringraziamento speciale ai miei compagni di viaggio del gruppo Mangystau 4X4 coordinato dal mitico Alberto Soldavini di Viaggi Avventure nel Mondo.

Il gruppo Soldavini Mangystau 4X4 di ANV - foto Alberto Soldavini

Il gruppo Soldavini Mangystau 4X4 di ANM - foto Alberto Soldavini

Blue Lama

Articoli dal Blog “Cose strane e posti assurdi” di Blue Lama