QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 13 dicembre 2017

Attualità sabato 25 novembre 2017 ore 09:10

Procediamo a passo sicuro

Anche nel 2017, l’Automobile Club Livorno ha tenuto delle lezioni presso l’istituto primario ‘Europa’ di Rosignano Solvay

ROSIGNANO MARITTIMO — Come già avvenuto nel corso degli ultimi tre anni, l’Automobile Club Livorno ha scelto il mese di novembre per reiterare una virtuosa tradizione. Vale a dire quella di organizzare un corso gratuito a tema sicurezza stradale, destinato a un pubblico composto dai bambini frequentanti la classi quarte, sezioni A e B, della Scuola Primaria Europa di Rosignano Solvay.

Sotto la guida di un esperto di sicurezza stradale come il fidato delegato Simone Pardini (il quale, oltre al ben noto ufficio lungo la via Aurelia dirige sempre a Rosignano anche l’attigua Scuola Guida ACI Ready2Go), si è svolto un incontro promosso da ACI e il MIUR - Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, entrambi schierati per la campagna “A passo sicuro” anche nel 2017. Un progetto rivolto alle scuole primarie, ai bambini dell'ultimo anno della scuola dell'infanzia e agli allievi delle scuole secondarie di primo grado.

Il concetto fondamentale veicolato da questa particolare lezione è stato quello per cui tutti, prima o poi, ci troviamo a vestire i panni del pedone che deve attraversare la carreggiata o semplicemente camminare lungo la strada, sempre rigorosamente sul marciapiede.

Eppure, le statistiche raccontano che ogni anno in Europa oltre 8 mila pedoni vengono coinvolti in incidenti stradali con esito mortale. La maggior parte degli incidenti in cui sono coinvolti pedoni, accade nelle aree urbane e di questi quasi un quarto sugli attraversamenti. Nel 30% degli incidenti in cui sono coinvolti un’auto che viaggia a 40 km/h e un pedone, c’è il rischio di esito mortale.

Il presupposto quindi è che i giovani tra i 5 e i 14 anni dovrebbero essere i primi destinatari della comunicazione in materia di sicurezza stradale. Questo perché gli incidenti costituiscono la principale causa di morte tra i giovani e i bambini, già protagonisti della strada come pedoni e ciclisti e che incarnano la generazione dei futuri automobilisti. Su di essi bisogna perciò investire per diffondere la cultura della responsabilità stradale, di modo che, anche in maniera riflessa, tali sollecitazioni possano scardinare le cattive abitudini degli stessi adulti che li circondano.

Corredata dalla distribuzione di simpatici gadget a marchio ACI come souvenir dell’incontro e al grido dell’efficace slogan ‘Se vuoi fare strada, dai strada’ che contraddistingue la campagna, si è consumata la proiezione del video. Uno strumento multimedialepredisposto da ACI sotto forma di DVD contenente episodi animati, grazie al quale sono stati illustrati ai piccoli i comportamenti corretti da tenere e quelli sbagliati da evitare lungo un percorso pedonale. Il filmato è stato integrato dalla spiegazione dei rischi che si vengono a verificare in coincidenza con le più tipiche casistiche di attraversamento. Tra queste, quando i bambini si trovano a spasso con il genitore o il parente, quando camminano da soli ma magari ascoltando musica in cuffia oppure quando la palla o il giocattolo sfugge e rotola in mezzo alla careggiata.

Uno speciale momento didattico, destinato a ripetersi con cadenza regolare nei prossimi mesi, coinvolgendo altre classi anche presso altri istituti della provincia labronica. 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca