QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 8° 
Domani -0°8° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
sabato 03 dicembre 2016

Attualità sabato 19 marzo 2016 ore 06:30

Parcheggi e riqualificazioni, le proposte del M5S

Foto d'archivio

Parlano i consiglieri comunali del Movimento Elisa Becherini, Mario Settino e Francesco Serretti. Le loro idee su Castiglioncello

ROSIGNANO M.MO — Il problema dei parcheggi a Castiglioncello si manifesta soprattutto nel periodo estivo, in particolare a luglio ed in misura ancora maggiore ad agosto, mentre nei mesi rimanenti non sussiste ed è molto ridotto, la circolazione avviene senza intralci e non ci sono problemi di parcheggio né per residenti né per turisti.

Secondo il capogruppo Becherini: "Buona parte del traffico veicolare è quello dovuto dallo spostamento dei residenti e turisti dalla zona delle Spianate verso la costa di Castiglioncello, ed avviene in misura maggiore in determinate ore, quelle centrali della mattina e del pomeriggio, le ore in cui ci si reca al mare, e poi dalle 22 in poi, con una tendenza di picco massimo nel week end settimanale. Il problema esiste poiché negli anni la pressione veicolare, soprattutto nel promontorio, è aumentata e poco è stato fatto per risolvere questa situazione, siamo di fronte a circa 350 posti parcheggi a pagamento a fronte di circa 3000 permessi rilasciati dal comune.

"Il problema - ha proseguito Becherini - ciclicamente evidenziato di mancanza di posti auto a Castiglioncello, secondo noi deve trovare soluzione con una proposta che non vada a gettare ulteriore cemento in una zona da salvare e tutelare nella conservazione della sua realtà naturale, che si possa facilmente realizzare razionalizzando gli spazi già presenti e agendo anche su un’ipotesi di circolazione alternativa a quella attuale. La nostra proposta da cui partire, potrebbe essere riconsiderare i doppi sensi della via Aurelia e di via dei Macchiaioli, quindi mettere il senso unico sulla via Aurelia direzione Livorno e altrettanto in via dei Macchiaioli, naturalmente direzione opposta".

Mario Settino ha proseguito entrando nel dettaglio: "Quest’ipotesi consentirebbe di liberare un lato della carreggiata per far parcheggiare le auto, concretizzando un’operazione a costo ed impatto zero tranne che per una minima spesa per la segnaletica e che porterebbe nuovi parcheggi, stimabili in circa 400. Questa viabilità alternativa, dovrebbe essere attivata tutto l’anno, soprattutto per far abituare i residenti alla nuova segnaletica, parte in causa dell’aumento di pressione veicolare in estate tanto quanto i turisti. Non va poi dimenticata la possibilità di sfruttare più efficacemente le zone adibite a parcheggio libero alle spianate, che l’amministrazione rende fruibili attivando un servizio bus navetta; il parcheggio ed il servizio bus navetta sono poco usati, un impegno maggiore sia per renderlo più usabile con un maggior numero di corse, che per diffondere l’esistenza di tale servizio non potrebbe che potenziare l’efficacia della nostra proposta risolutiva della situazione parcheggi estivi a Castiglioncello".

Francesco Serretti ha precisato alcuni aspetti: "Per la pineta Marradi, al posto del parcheggio seminterrato insistentemente voluto dall'amministrazione, solo un’invasiva ed inutile colata di cemento e ulteriore attrattore di traffico che con la nostra proposta alternativa non trova più giustificazione alcuna, auspichiamo una riqualificazione vera, che magari includa un nuovo arredo urbano, una rivalutazione delle sue potenzialità in un’ottica di turismo sostenibile, senza snaturarne l’immagine storica, da cui deriva quel fascino assoluto che assieme alla bellezza della natura rende la pineta Marradi un luogo di insostituibile attrazione. Infine, a tutti coloro che sostengono ci si debba affrancare dal passato di Castiglioncello, dalla sua storia, da ciò che ha rappresentato, per andare verso un’idea moderna della frazione, noi ribadiamo al contrario che è da una rivalutazione del passato che possiamo renderlo ancora più attuale, il fascino di Castiglioncello non deve essere deturpato ma esteso, la sua storia, la sua tradizione è l’elemento e la forza su cui basare la rinascita che gli spetta".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità