QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 13°20° 
Domani 14°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 01 giugno 2016

Attualità giovedì 24 marzo 2016 ore 16:00

Il museo apre per le feste

Il museo archeologico di Castiglioncello

L'ingresso al museo archeologico per le festività pasquali sarà gratuito. Ecco i giorni e gli orari di apertura al pubblico

ROSIGNANO M.MO — In occasione delle festività pasquali, il Museo Archeologico Nazionale di Castiglioncello riaprirà al pubblico, ad ingresso gratuito, con il seguente orario: il sabato dalle 16,30 alle 18,30; la domenica e i festivi (28 marzo, 25 aprile e 2 giugno) dalle 10,30 alle 12,30 che resterà in vigore fino al mese di giugno, compreso.

Il Museo, aperto al pubblico nel 1916, esattamente 100 anni fa, venne realizzato dal soprintendente alle Antichità dell’Etruria, Luigi A. Milani, per accogliere i corredi tombali venuti alla luce durante i lavori di urbanizzazione di Castiglioncello. Costruito sul modello di un’urna cineraria a forma di tempietto, è arricchito con decorazioni esterne in cemento policromo, anch’esse derivate da edifici sacri etruschi.

Riaperto al pubblico nel 2011, dopo quasi 40 anni di chiusura, il Museo ha un allestimento innovativo che consente di ammirare la collezione originale, lasciando a vista gli elementi architettonici dell’edificio.

Il museo custodisce i reperti dell’ampia necropoli rinvenuta e scavata a più riprese, dal ‘700 ad oggi, sul promontorio di Castiglioncello che testimoniano l’esistenza di un fiorente insediamento sorto, tra il IV e il III secolo a.C., a controllo dei principali assi stradali e marittimi dell’Etruria costiera, lungo i quali Roma si muoveva alla conquista del Mediterraneo.

La presenza di due baie ben riparate permise al centro di svolgere anche la funzione di scalo commerciale per il vasto e ricco entroterra. Con il I secolo a.C., venuta meno la sua funzione strategica, l’antico abitato venne abbandonato e il promontorio divenne sede di lussuose ville di proprietà di ricchi aristocratici romani.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità