Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:27 METEO:CECINA15°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità mercoledì 21 agosto 2019 ore 16:30

Punto nascita, "Testimonianze sempre più gravi"

Foto di repertorio

E' il grido l'allarme lanciato dal comitato "Lasciateci nascere a Piombino" che racconta un episodio accaduto recentemente ad una donna al quarto mese



PIOMBINO — La situazione per le donne in gravidanza sul territorio di Piombino e nelle zone limitrofe diventa sempre più complessa e critica, come spiega il comitato Lasciateci nascere a Piombino.

"Ieri notte una donna, quartigravida chiama l'ambulanza. Viene portata al pronto soccorso di Piombino. - si legge sulla pagina Facebook del Comitato Lasciateci nascere a Piombino - All'arrivo viene chiamata l'ostetrica. Poi il medico... Si decide poi, con contrazioni regolari e sacco rotto di trasferirla a Cecina"

"Non esiste più un protocollo.- commenta il comitato - Stiamo raccogliendo testimonianze sempre più gravi. Le testimonianze di chi attraversa situazioni di paura prima, e forti disagi dopo. Durante la degenza all'Ospedale di Cecina. L'Ospedale di Cecina. Si era parlato di quel reparto, come di un reparto che avrebbe accolto i nostri parti con braccia aperte e sorrisi. La verità è che il reparto non riesce a far fronte. Il personale è in crisi... E si continua a mentire. A fingere che sia 'Tutto sotto controllo'. Noi no. Non siamo sotto controllo. Cercate di tenerlo presente".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una segnalazione ha fatto intervenire la Polizia Municipale che ha sorpreso l'uomo con le buste della spesa. E' scattata la denuncia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità