Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:CECINA14°22°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità giovedì 02 maggio 2019 ore 17:40

Caffè Alzheimer, attivata una rete di supporto

Al via il progetto sperimentale Caffè Alzheimer nella zona distretto Valli Etrusche con tre percorsi a Piombino, Rosignano e Cecina



PIOMBINO — La Zona Distretto Valli Etrusche ha attivato tre esperienze di socializzazione chiamate Caffè Alzheimer rivolte ai malati di demenza e ai loro familiari.

Si tratta di una sperimentazione pilota, a Piombino, Rosignano e Cecina, in vista di una sua possibile estensione a tutti i Comuni delle Valli Etrusche organizzata dalla Zona Distretto tramite il servizio sociale, la geriatria, la medicina di comunità e con la collaborazione della Associazione Italiana Malati di Alzheimer (Aima) Costa Etrusca, della Fondazione Casa Cardinal Maffi e del Centro incontro aggregazione sociale anziani (Ciasa) di Piombino.

L’idea alla base del progetto, che prende spunto dal Piano Demenze della Regione Toscana (Deliberazione della Giunta Regionale Toscana 1402/2017), è di inserire la famiglia di una persona affetta da demenza in un percorso di rottura dell’isolamento sociale: le persone interessate vengono così invitate e accolte in un ambiente informale da operatori esperti nella relazione con il malato e operatori esperti nell’ascolto dei familiari. L’Alzheimer ha un carattere progressivo e, ad oggi, inarrestabile, ma lo stile di vita del malato e le attività della vita quotidiana possono contrastare la progressione dei sintomi e il decadimento funzionale. 

Il Caffè Alzheimer si presenta come una palestra di relazione che coinvolge e stimola contemporaneamente i rapporti malato-operatore, familiare-operatore e malato-familiare. Gli incontri sono strutturati con il coinvolgimento di esperti per alternare le attività di sollecitazione cognitiva, multisensoriale, musicale e artistica. Nel programma sono inseriti degli incontri ai musei e alle biblioteche di Cecina e Rosignano.

Gli incontri si svolgono dalle 15 alle 17 il mercoledì a Cecina nella Rsa di via Montanara gestita dalla Fondazione Casa Cardinal Maffi, il giovedì a Piombino nella sede del Ciasa e il venerdì a Rosignano Marittimo in piazza Risorgimento nella sede dell’Aima Costa Etrusca.

La sperimentazione durerà fino ad ottobre riunendo ogni volta circa dieci assistiti e i loro familiari. In seguito è prevista la diffusione di tale esperienza a tutto il territorio delle Valli Etrusche puntando sulla capacità dell’ auto-organizzazione delle famiglie, sul volontariato e sul privato sociale. 

Per informazioni è possibile contattare il responsabile generale del progetto al numero 0586 614234 o Doriana Favilli (referente Rosignano) 0586 614648, Oriana Alfei (referente Cecina) 0586 614270 e Silvia Genovese (referente Piombino) 0565 67700.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lunedì l'inaugurazione della riqualificazione funzionale in termini di inclusività e di riqualificazione dell'area
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca