Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:33 METEO:CECINA19°27°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 04 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Sport domenica 04 ottobre 2020 ore 18:00

Prima vittoria toscana al Giro d'Italia con Ulissi

Diego Ulissi vince ad Agrigento la seconda tappa del Giro d'Italia 2020
Diego Ulissi vince ad Agrigento la seconda tappa del Giro d'Italia 2020

"Cu mancia fa muddichi" Chi mangia fa briciole. Si usa dire ad Agrigento per chiarire che se si fa e si lavora si devono lasciare le tracce.



AGRIGENTO — La UAE Emirates oggi ha preso in mano la corsa negli ultimi chilometri della seconda tappa dell’edizione 103 del Giro d’Italia, da Alcamo ad Agrigento, ed è stata capace di lasciare una bellissima traccia nella storia del Giro d’Italia: la vittoria di Diego Ulissi.

La squadra emiratina si è mossa con intelligenza, grazie soprattutto al lavoro di Valerio Conti, compagno di Diego Ulissi e già maglia rosa per alcuni giorni nell’edizione del Giro d’Italia 2019.

Conti ha lanciato Ulissi egregiamente, portandolo nelle prime posizioni durante la difficile ascesa finale, 4 lunghi chilometri al 5,3%, con punte al 9%.

Quando l’italiano Luca Wakermann (Vini Zabù – KTM) ha provato a staccare tutti all’ultimo chilometro Ulissi era pronto ed attento poco dietro.

Il livornese ha ripreso e superato Wakermann, seguito dal giovane danese Mikkel Honorè (Deceuninck-QuickStep) e dall’esperto Peter Sagan (Bora-hansgrohe), in cerca di riscossa sulle strade della Corsa Rosa.

Fino all’ultima curva Diego Ulissi è rimasto in testa, controllando gli altri due attentamente, senza foga, girando di continuo lo sguardo all’indietro per scrutarne la faccia e le gambe.

Poi si è lasciato sfilare restando in terza posizione ma quando qualche metro dopo è stato lanciato lo sprint Ulissi ha dimostrato di avere un altro passo di pedale ed ha tagliato il traguardo a braccia alzate dopo aver rimontato con apparente facilità Sagan e Honorè, piazzatisi nell’ordine dietro di lui.

Per Ulissi è la settima volta che taglia il traguardo per primo in una tappa del Giro d’Italia ed è la trentasettesima vittoria da professionista.

Stasera Ulissi si porta in camera anche la Maglia Ciclamino, che identifica il leader della Classifica a Punti.

In classifica generale resta in Maglia Rosa il giovane Filippo Ganna, protagonista ieri di una favolosa prova a cronometro, nella prima tappa da Monreale a Palermo.

Domani la terra scura dell’Etna accoglierà i girini sul difficile traguardo di Linguaglossa Piano Provenzano, luoghi dove per secoli la marineria siciliana andava ad approvvigionarsi di legno pregiato e di resina.

Ulissi non dovrebbe essere in grado di ritagliarsi uno spazio da protagonista. Probabilmente salirà con il suo passo, meditando altri colpi da assestare nelle tappe future.

Perché Diego Ulissi c’è e gli altri oggi se ne sono accorti, chiedete a Peter Sagan.

Marco Burchi
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La lista dei contagi registrati da inizio epidemia si allunga e raggiunge quota 18223. I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Politica