Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:13 METEO:CECINA21°26°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
giovedì 24 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Miami, il video del crollo del palazzo di dodici piani

Attualità martedì 13 gennaio 2015 ore 09:40

Solidarietà alla città francese gemellata

Il sindaco ed il presidente del consiglio comunale scrivono una lettera alla comunità di Sin Le Noble. Sarà osservato un minuto di silenzio al prossimo consiglio



CECINA — “Alla violenza e all’integralismo va risposto con fermezza, prendendo le distanze dalle frange più estreme, ma senza cedere nulla all’odio e alla paura; l’unica via possibile è lavorare per un’autentica integrazione, sostenendo quella parte maggioritaria di persone di fede musulmana che ripudiano il terrorismo”. Queste alcune delle parole usate dal sindaco di Cecina Samuele Lippi e dal presidente del Consiglio comunale Valori nella lettera inviata alla città francese di Sin Le Noble, gemellata con Cecina, dopo i fatti di Parigi dei giorni scorsi.

Al sindaco di Sin Le Noble, Christophe Dumont, Lippi e Valori, esprimono la vicinanza dei cecinesi, cordoglio per le vittime, solidarietà. Nel prossimo Consiglio comunale, previsto per la fine di gennaio, sarà osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell’attentato al giornale satirico Charlie Hebdo e degli ostaggi uccisi nel supermercato ebraico kosher di Parigi.

“I vili e terribili attentati terroristici di questi giorni, avvenuti nel cuore di Parigi, che hanno ucciso vittime inermi e scosso il Paese sono una tragedia che ha sconvolto l’intero continente europeo e minato alle radici i valori su cui si fondano gli stati democratici moderni - si legge nella lettera - vi giunga quindi, tramite noi, la solidarietà della città che ci onoriamo di rappresentare e che attorno a tutti voi si stringe, nella consapevolezza che l’unico vero antidoto al terrore, alla violenza e all’odio sia lavorare insieme per affermare sempre più l’importanza dei diritti e delle libertà”.
“Il rischio, in casi come questo  è che si possa retrocedere sul fronte del dialogo tra culture e religioni diverse, cadendo nell’imbarbarimento, nella superficialità di giudizio, nel populismo fino a sfociare nel razzismo - scrivono ancora - Ciò non toglie la necessità di una presa di posizione netta e decisa rispetto alle frange più estreme, mentre è da ricercare e sostenere il confronto con quella parte maggioritaria di persone di fede mussulmana che, anche in questi giorni, hanno avuto parole di sdegno per i fatti accaduti e per ogni forma di violenza".

"Il nostro ultradecennale sodalizio si fonda esso stesso sull’impegno comune a costruire ponti di pace e di fruttuose relazioni tra popoli. Principi e sentimenti che per noi rappresentano l’unica risposta alla barbarie, all’intolleranza, alla negazione dei diritti - si legge nella lettera - Come amministratori locali, crediamo che da ogni comunità, grande o piccola che sia e da ogni cittadino debba giungere la reazione più matura a questa delirante ideologia fondata sulla cultura della morte e il disprezzo della vita umana; riteniamo altresì fondamentale l’impegno di ciascuno affinché quanto accaduto non alimenti spaccature profonde tra culture, ma sia di stimolo per rafforzare il dialogo e un’autentica integrazione”.

“La libertà di stampa e di parola – concludono Lippi e Valori – rappresentano una delle massime espressioni dell’essere umano e per questo non possono essere limitate, senza che se ne sminuisca il significato stesso”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da Cecina e San Vincenzo tantissimi messaggi di cordoglio dopo essersi diffusa la notizia della morte di Flavia Tenerelli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità