Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:00 METEO:CECINA12°15°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 12 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'arena di Nimes al posto del Colosseo: l'errore nel video pubblicato dalla sindaca Raggi

Cronaca mercoledì 19 agosto 2020 ore 15:15

Fossi tombati, allarme in caso di piena

I fossi tombati Botro Secco e Botro Cotone sono stati dotati di questo nuovo sistema di avviso ai cittadini, ai quali verrà fornito un vademecum



ROSIGNANO MARITTIMO — I cittadini di Rosignano Solvay che abitano nelle zone limitrofe ai fossi tombati “Botro Secco” e Botro Cotone” tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima riceveranno nella propria cassetta della posta un depliant realizzato dal Comune di Rosignano Marittimo per informarli sul progetto Adapt che si propone di affrontare il rischio idrogeologico in modo condiviso, migliorando la resilienza dei centri abitati. Per questo, il Comune di Rosignano ha realizzato un intervento pilota per mettere in sicurezza i cittadini che abitano in prossimità di fossi coperti, in caso di forti e improvvise piogge alluvionali.

I fossi tombati “Botro secco” e Botro Cotone”, infatti, sono stati dotati di sistemi di allarme per avvisare i cittadini in caso di piena. Lungo il letto dei due botri, il Comune ha istallato un sistema di monitoraggio composto da 2 stazioni idrometriche di telemonitoraggio e allertamento, di cui una dotata anche di pluviometro. Quando il livello dell’acqua si alza oltre un certo livello, le sirene suonano per avvertire la popolazione che c’è un pericolo di esondazione. Lo stesso sistema invia un messaggio agli operatori del Comune e della Protezione Civile, affinché possano intervenire nel più breve tempo possibile. Per segnalare localmente il rischio sono stati installati 11 dispositivi di segnalazione acustica.
All’interno dei depliant, i cittadini troveranno un “vademecum” su cosa fare in caso di allarme segnalato dalle sirene. Nello specifico, se ci si trova in un locale seminterrato o al piano terra, bisogna salire ai piani superiori, evitando l’ascensore; non scendere in cantine, garage o altri luoghi seminterrati per mettere al sicuro beni o veicoli; se si abita in un piano alto, è bene offrire ospitalità a chi abita ai piani sottostanti; rimanere preferibilmente in casa, seguendo l’evolversi della situazione sul sito www.pcbassavaldicecina.it; se si è all’aperto recarsi in luoghi più elevati e non andare mai verso le aree depresse, evitando ad esempio i sottopassi che si possono allagare facilmente; evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, sopra ponti o passerelle; evitare di attraversare con l’auto o a piedi zone allagate, ma fermarsi in prossimità di un luogo sicuro, rimettendosi in viaggio solo al termine dell’emergenza.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ancora tre vittime del Covid in provincia di Livorno, dove sono 69 i casi delle ultime ore. I decessi correlati al virus diventano 373
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità