Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:CECINA12°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
A Kiev, tra le bandierine ai caduti e l’appello agi alleati: «Mandate armi e munizioni»

Contenuto Sponsorizzato martedì 25 gennaio 2022 ore 07:00

​Scapigliato Alberi cresce, ora olivi gratis in 56 Comuni

Cittadini e agricoltori delle Province di Livorno e Pisa possono richiederli gratuitamente per unire economia circolare, clima e agricoltura: ecco come fare



ROSIGNANO MARITTIMO — A sei mesi dalla presentazione, il progetto Scapigliato Alberi è già pienamente operativo con il primo lotto di oltre 7 mila olivi già consegnati: si tratta della prima tranche di olivi forniti gratuitamente a cittadini e imprese del territorio che ne hanno fatto richiesta. Date, inoltre, le numerose richieste arrivate da zone limitrofe ai Comuni coinvolti inizialmente dal progetto (i 13 di partenza, ovvero i Comuni della Val di Fine, Bassa Val di Cecina, Collesalvetti, Crespina Lorenzana e Castagneto Carducci), Scapigliato – in accordo con la Regione Toscana – ha deciso di estendere a tutti i 56 Comuni delle Province di Livorno e Pisa la possibilità di partecipare, richiedendo in consegna gli olivi. L’ampliamento dell’operazione non inciderà, comunque, sul carattere locale dell’iniziativa: gli interventi da realizzare all’interno dei 13 Comuni coinvolti fin dall’avvio del progetto manterranno la priorità nell’assegnazione degli olivi.

Si amplia, così, notevolmente l’iniziativa che compenserà tutte le emissioni di gas serra – ovvero 1.195.000 ton di CO2eq – generate dal Polo impiantistico di Scapigliato sin dalla sua nascita, che a regime vedrà la piantumazione di circa 245mila olivi in grado non solo di difendere il clima, ma anche di alimentare un’agricoltura virtuosa, nel solco delle tradizioni locali e con tempistiche già ben delineate.

Scapigliato Srl ha, infatti, già individuato sei diversi periodi per la messa a dimora degli olivi da qui all’autunno 2023, con oltre 30mila richieste di piantumazione già arrivate: nel 54% dei casi si tratta di piante adeguate a coltivazioni di tipo biologico, in modo da valorizzare al meglio la sostenibilità agricola del territorio.

Le adesioni raccolte finora mostrano un ampio coinvolgimento sia da parte dei privati cittadini – beneficiari per il 53% delle piantumazioni già programmate –, sia da parte di aziende agricole e/o imprenditori agricoli professionali. Una distribuzione equa e fatta di appezzamenti di estensione limitata (ogni beneficiario può chiedere da un minimo di 50 fino ad un massimo di 5.000 olivi), in modo da inserirsi in modo armonico in un paesaggio unico al mondo.

Le aree per la messa a dimora delle piante si snodano dall’area livornese lungo la Costa degli Etruschi e le sue campagne: sul podio spicca Rosignano Marittimo, con 23 aree di piantagione, seguito da Cecina e Castellina Marittima, con 8 aree ciascuna, seguite a loro volta da Santa Luce e Collesalvetti (7 aree ciascuna).

Per informazioni sulle modalità di accesso all’iniziativa, e in particolare sui bandi per la fornitura degli olivi, visita il sito www.scapigliato.it alla sezione “Iniziative per il territorio – Scapigliato Alberi”, oppure scrivi all’indirizzo e-mail alberi@scapigliato.it o chiama lo 0586 744153.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tutto si è svolto online tramite un sito di e-commerce dove il malcapitato ha effettuato l'acquisto e diversi bonifici
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità