Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:CECINA23°30°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
venerdì 19 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump alla convention di Milwaukee: «Sono qui davanti a voi per la grazia di Dio»
Trump alla convention di Milwaukee: «Sono qui davanti a voi per la grazia di Dio»

Attualità giovedì 13 giugno 2024 ore 07:00

Sostegno alla genitorialità, psicologi più formati

Alessandra Bramante

Un incontro formativo ha coinvolto gli psicologi dei vari consultori dell'Asl Toscana nord ovest



LUCCA — Un incontro di formazione sulla psicologia perinatale rivolto alle psicologhe e degli psicologi dei Consultori dell’Azienda USL Toscana nord ovest.

L’evento, inserito nel piano di formazione Asl (PAF) per la struttura di Psicologia della continuità Ospedale Territorio, si è svolto martedì 11 Giugno nella sala Sesti dell’ospedale “San Luca” di Lucca con la partecipazione attiva di professionisti provenienti da tutti i territori dell’Azienda e con la presenza come relatrice di una grande esperta di queste tematiche, la psicologa e psicoterapeuta Alessandra Bramante, che vive e lavora a Milano e che da oltre vent’anni si occupa di psicologia perinatale. .E’ specializzata anche in criminologia clinica e dottoressa di ricerca in neuroscienze. Al di là della sua importante esperienza clinica, la dottoressa Bramante è un punto di riferimento anche scientifico, è autrice di numerose pubblicazioni inerenti alla psicologia perinatale, tra cui “Manuale di psicopatologia perinatale” e “Diventiamo mamma e papà di Erickson”. È inoltre la referente italiana per la Stafford interview, uno strumento importante per valutare e comprendere il disturbo della relazione madre bambino.

Questo tipo di formazione è fondamentale perché sempre più nell’ambito consultoriale si è sviluppata la funzione di psicologia perinatale e i professionisti presenti hanno presentato i dati e le caratteristiche degli interventi effettuati in tutti i territori Asl, dalla Lunigiana fino all’Isola d’Elba.


All’incontro di Lucca, che rappresenta l’inizio di un percorso di supporto e di supervisione continuo, hanno partecipato le referenti dei team zonali del Percorso diagnostico assistenziale (PDTA) per la rilevazione precoce e la presa in carico del disagio psichico perinatale e per prevenzione della depressione post partum.


Questa attività, di supporto alla maternità e alla paternità, vede la presenza dello psicologo perinatale in tutte le fasi del percorso nascita ed è in via di sviluppo e miglioramento da anni, rappresentando un’area strategica per la salute della donna e della famiglia.

Alessandra Bramante ha illustrato gli elementi che caratterizzano la psicologia perinatale, dall’importanza di un intervento precoce e della rilevazione del disagio psichico alla necessità di individuare i luoghi della cura, esprimendo un plauso per l’attività svolta nell’ambito dell’Azienda USL Toscana nord ovest, che ha sempre mantenuto un’organizzazione articolata e integrata tra le professioni, grazie al contributo di tutti e al coordinamento della struttura Consultoriale diretta da Rosa Maranto.


“Nel sostegno alla maternità e alla paternità - ha ricordato ancora la dottoressa Bramante - la funzione della psicologia è fondamentale, perché diventare genitore è un processo che implica lo sviluppo di risorse e competenze nuove. Ogni sforzo che facciamo per migliorare la salute mentale e lo stato d’animo di una mamma è un contributo alla stabilità familiare e alla salute delle generazioni future, come ci ricorda Ian Brockington”.


La psicoterapeuta ha inoltre illustrato preziosi strumenti per l’identificazione e l’intervento psicologico nel disturbo nella relazione madre-bambino e ha sottolineato come il coinvolgimento dei padri sia fondamentale e come un intervento tempestivo e integrato riduca in modo significativo il rischio di sviluppare psicopatologia. La presenza dello psicologo perinatale, in relazione con gli altri operatori sanitari, può mitigare le conseguenze per le madri o per i padri e anche per la salute dei bambini e delle bambine.


“Il Percorso diagnostico assistenziale che è stato predisposto - ha aggiunto la direttrice della struttura di Psicologia Patrizia Fistesmaire - è un fiore all’occhiello della nostra Asl e della sanità pubblica in generale. Si tratta di un percorso importante e organizzato che ha come obiettivo quello di individuare precocemente il rischio psichico e psicosociale perinatale e garantire la presa in carico nel setting più adeguato. Il PDTA è nato dall’impegno della Direzione e di tutti gli attori coinvolti nella salute delle donne: dai Consultori ai servizi per la salute mentale, dai servizi dell’ambito materno infantile a quelli del sociale: integra il protocollo di valutazione psicologia del rischio psichico e la presa in carico terapeutica e definisce alcuni team zonali, a cui partecipano tutte le figure professionali e i servizi coinvolti. Le ostetriche consultoriali effettuano un primo screening, successivamente, in tutto il percorso della gravidanza e del puerperio, dal territorio all’ospedale e in collaborazione con le ginecologhe e i ginecologi del team, si può contare sulla presenza di uno psicologo dedicato a questo percorso, che a sua volta lavora in modo integrato con l’assistente sociale e con i colleghi dei servizi della Salute mentale".


"I dati raccolti dal referente per la struttura Consultoriale del PDTA Alessio Mini sono molto rilevanti e significativi anche a livello statistico, perché consentono di effettuare una fotografia dei bisogni di salute nei territori. Grazie a un percorso organizzato, in cui alla rilevazione si affiancano setting per la cura, è stato possibile intercettare un maggior numero di donne e offrire sostegno specialistico in una fase così delicata. La possibilità di ricevere una supervisione qualificata, come quella della dottoressa Bramante, ci permette di migliorare sia i nostri strumenti per la valutazione che monitorare gli esiti dei trattamenti. Interventi indispensabili, come ci ricorda la letteratura, per la prevenzione del disagio psichico e della depressione post partum ma, soprattutto, per lo sviluppo di una genitorialità positiva e consapevole”, ha concluso Fistesmaire.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
4 alveari con 200mila api controllate da sensori per monitorare la biodiversità e utilizzo delle mappe satellitare in accordo con Esa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità