Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:58 METEO:CECINA23°29°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Autobomba a Mosca: in un video si vede un uomo che piazza l'ordigno sotto l'auto, poi l'esplosione
Autobomba a Mosca: in un video si vede un uomo che piazza l'ordigno sotto l'auto, poi l'esplosione

Attualità venerdì 10 marzo 2023 ore 14:59

Bus, "tagli di At, fasce deboli in difficoltà"

Foto di repertorio

La presidente della Provincia di Livorno Sandra Scarpellini scrive al governatore Giani per evidenziare i rischi del trasporto pubblico locale



PROVINCIA DI LIVORNO — La presidente della Provincia di Livorno, Sandra Scarpellini, ribadisce la forte contrarietà alle proposte relative al nuovo contratto di servizio per il trasporto pubblico locale, e in una lettera indirizzata al presidente della Regione, Eugenio Giani, e all’assessore alle infrastrutture e mobilità, Stefano Baccelli, mette nero su bianco quelli che sono i principali problemi su cui richiama l’attenzione.

Sandra Scarpellini, presidente Provincia di Livorno

“Gli Uffici preposti della Provincia - sottolinea la presidente - hanno da tempo evidenziato una serie di criticità importanti che deriveranno dall’attuazione della seconda fase di riorganizzazione del servizio di trasporto pubblico locale. In questo senso, stiamo proseguendo un lavoro di capillare attenzione alle situazioni più fragili relative alle linee di trasporto. Il confronto effettuato di recente con i ragazzi della Consulta degli studenti, ha consentito di accompagnare le preoccupazioni, espresse anche dai sindaci, rispetto ai collegamenti con i luoghi più distanti dai centri urbani, quindi già in difficoltà”.

A partire dal prossimo Novembre, infatti, ci sarà la fase attuativa della revisione della rete di servizi, la cui progettazione è affidata al Gestore unico.


“Purtroppo – aggiunge Scarpellini - ancora una volta il tema del depauperamento dei servizi delle aree provinciali con rarefazione demografica, assume un rilievo fondamentale che non è adeguatamente affrontato in occasione di ogni riorganizzazione di servizi territoriali”.


Nello scorso Ottobre, Autolinee Toscane aveva presentato la proposta per la rete extraurbana, rispetto alla quale la Provincia aveva prontamente inviato alla Regione una serie di osservazioni, scaturite dal confronto con i comuni del territorio, a cui però non era seguito alcun riscontro.


“Sono molto preoccupata per gli scenari che si stanno profilando per il trasporto extraurbano – asserisce la presidente – e l’obiettivo della nota inviata al presidente Giani è quello di puntualizzare le maggiori criticità riscontrate nella proposta di Autolinee Toscane”.

Tra le quali si evidenzia la importante carenza circa la riorganizzazione della rete e dei percorsi delle linee attuali; la mancata indicazione delle percorrenze di competenza comunale presenti nell’attuale configurazione delle linee extraurbane, e la totale assenza di una ri-definizione della rete debole, come richiesto dall’Amministrazione provinciale.
Inoltre, nella proposta rimangono scoperte alcune località senza che sia previsto un intervento, anche minimo, nella riorganizzazione della rete debole (ad esempio: San Piero e Bagnaia all’Isola d’Elba) ed sono state tagliate alcune corse dedicate al trasporto dei lavoratori verso le zone degli insediamenti produttivi, senza una previsione di inserimento nei servizi a rete forte o a rete debole, come specificatamente prevista invece negli indirizzi provinciali.

Nella lettera, inoltre, sono sottolineate altre due questioni di fondamentale importanza.
La prima riguarda i criteri di redistribuzione a livello regionale dei servizi aggiuntivi (ex Dgrt 281/2020), per i quali la presidente Scarpellini chiede che ci sia estrema trasparenza ed equità nell’assegnazione dei finanziamenti che la Regione mette in campo.

L’altra questione, di grande impatto negativo per l’area sud della Provincia, è quella della forte riduzione dei chilometri di percorrenza proposti da Autolinee Toscane sulla linea regionale Campiglia – Piombino che, a fronte di una previsione di gara pari ad oltre 352.665 km/anno, passerebbero a soli 196.499 km/anno.

“Una riduzione inaccettabile – sottolinea Scarpellini nella nota - in quanto la linea costituisce un collegamento di importanza fondamentale, come riconosciuto dalla stessa Regione nella delibera n. 721/2021, sia come collegamento tra l’asse ferroviario tirrenico e l’Isola d’Elba, sia come servizio forte su cui attestare i collegamenti da/per le frazioni della Val di Cornia”.

La lettera si conclude rimarcando la forte preoccupazione per una proposta di riorganizzazione che, ribadisce la presidente: “Ancora una volta, andrebbe a condizionare negativamente le fasce più deboli della nostra comunità. Per questo richiamo l’attenzione del presidente Giani e dell’assessore Baccelli, perché nelle prossime riunioni tecniche con le istituzioni locali e il Gestore unico, la Regione tenga nel dovuto conto le problematiche esposte”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno