Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:50 METEO:CECINA22°26°  QuiNews.net
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
sabato 18 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Eitan Biran, parla il nonno paterno: «Un giorno mi dirà 'hai fatto tutto il possibile per salvarmi'»

Attualità martedì 21 ottobre 2014 ore 11:57

"A breve un intervento nella corte della Fattoria"

Foto di Riparbella Democratica

La maggioranza annuncia una spesa di circa 2mila euro per il giardino dell'immobile fatiscente sul quale da anni c'è una vicenda aperta



RIPARBELLA — L'immobile fatiscente nel centro del paese ha estrema necessità di essere sistemato, ma i proprietari non lo fanno e così va avanti il braccio di ferro tra loro e l'amministrazione comunale. E' questa in estrema sintesi la storia della 'fattoria', il nome con il quale a Riparbella tutti conoscono la storica proprietà nobiliare, proprio vicino al Palazzo Civico.
La vicenda è iniziata molti anni fa e già nel 2009 l'amministrazione comunale di allora aveva fatto istallare dei ponteggi per evitare che potessero verificarsi crolli a danno dei passanti. Nel consiglio comunale del novembre 2013 nel verbale si legge che c'era l'interesse a mette in campo "un'azione" "sull'immobile de la 'Fattoria' che interessa tutti, maggioranza, minoranza e cittadini". "La bacchetta magica non ce l'ha nessuno - precisava il Consigliere comunale Moreno Fusi - ma stiamo lavorando affinché si arrivi ad una soluzione (...) si tratta quindi di un intervento necessario perché è una situazione di degrado che è indegna per un paese".

A marzo 2014, dopo anni di lamentele e richieste inoltrate alle precedenti amministrazioni comunali che hanno emesso ordinanze ignorate dalla proprietà, la giunta Fantini aveva convocato una riunione con gli eredi della famiglia Rosselli Del Turco, proprietaria del fabbricato. All'incontro si era presentato soltanto uno dei proprietari, per questo il sindaco convocava una nuova riunione per il 5 aprile. La vicenda era stata anche discussa anche in un'assemblea pubblica e di fronte alla sordità della proprietà dell'immobile, il sindaco aveva deciso di procedere per via legale, oltre ad inviare una lettera direttamente al prefetto. L'amministrazione chiedeva di eseguire gli improcrastinabili lavori di ripristino delle parti pericolanti del fabbricato, di eliminare i forti segni di degrado e di ripulire la zona che versa in condizioni di sporcizia indecenti.

Oggi la maggioranza di Riparbella Democratica annuncia che partirà un intervento sul giardino della Fattoria. "L’importo dei lavori - spiegano - ammonta a 1.830 euro oltre I.V.A e prenderanno il via a breve, non appena saranno espletate le necessarie procedure normative".
"La troppa burocrazia è un ostacolo che non riusciamo al momento a superare - scrive la maggioranza - il degrado dell’immobile si fa sempre più evidente, ma al momento nonostante le continue pressioni che incessantemente vengono rivolte ai proprietari del fabbricato, quelli che riusciamo a contattare, non siamo ancora riusciti ad ottenere cosa vorremmo".
"Anche per quanto riguarda la pulizia ed il ripristino della situazione di degrado della corte annessa al fabbricato - scrive il gruppo consiliare - l'ordinanza in tal senso del Sindaco n. 3 a partire dal 2/05/2014, non ha trovato risposta da parete dei legittimi proprietari". "Siamo allora stati costretti ad impegnare - proseguono - ancora una volta, soldi pubblici, dei quali certamente provvederemo a richiederne restituzione, nelle forme e nei modi che le leggi prevedono, per affidare alla ditta S.C.A.T. i lavori necessari a garantire l’eliminazione del degrado della corte".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In provincia di Livorno si contato 36 nuovi casi accertati nelle ultime 24 ore. In Toscana, 435 i nuovi contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica