QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 22° 
Domani 13°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
venerdì 27 maggio 2016

Attualità giovedì 04 febbraio 2016 ore 11:01

Tre progetti per inventarsi il futuro

Assegnate le borse di studio ai vincitori di Spiders, l'inizitiva promossa dal Comune per i giovani. 500 euro ai selezionati. Ecco le idee vincenti

ROSIGNANO M.MO — Un'orto dove incontrarsi. Un laboratorio creativo con stampanti 3D. Un "pozzo del tempo". I ragazzi sono ancora in grado progettare un futuro e l'hanno dimostrato coi fatti, partecipando a Spiders, iniziativa lanciata dal Comune di Rosignano Marittimo nell'ambito delle politiche giovanili. Lo scopo era quello di stimolare la creatività, incentivare la nascita di nuovi spazi sulla base di proposte avanzate da 50 giovani con età compresa fra i 16 e i 30 anni.

Oggi vengono resi noti i nomi e i contenuti dei progetti avanzati dai ragazzi.

A ciascuno di loro andrà una borsa di studio di 500 euro per la partecipazione ai prossimi sette incontri di co-progettazione, durante i quali il progetto dovrà essere concretizzato e sarà costituito il soggetto gestore dei tre social hub. I progetti vincenti hanno in comune lo scopo di offrire nuovi servizi attraverso la partecipazione attiva della cittadinanza e l’inclusione territoriale: tematiche particolarmente sentite in un Comune diviso in sette frazioni. Per questo i progetti sono stati ideati per essere dislocati presso il centro culturale Le Creste di Rosignano Solvay e i centri civici di Castelnuovo della Misericordia e Nibbiaia.

I progetti sono stati vagliati da una commisione composta dall’assessore Vittorio Bugli, dalla dottoressa Barbara Chiavarino, dalla dottoressa Elisabetta Epifori, dal sindaco Alessandro Franchi e dalla professoressa Patrizia Merigolo, che hanno scelto le tre idee migliori in base a diversi criteri tra i quali la qualità del progetto, la frequenza dei ragazzi ai corsi e la fascia di età d’appartenenza.

Al primo posto troviamo il gruppo G.A.G (Gruppo A Caso) formato da Davide Samuele Franchi, Fausto Mannari, Giulio Meini, Simone Barella e Tommaso Papi, col progetto “Laboratorio di progettazione e sviluppo della creatività FabLab Rosignano CreaLab”. In breve, l’idea è quella di realizzare un laboratorio creativo dove i giovani possono imparare a progettare e a realizzare, attraverso l’uso di tecnologie innovative come le stampanti 3D ma altresì attraverso l’uso di macchinari tradizionali, oggetti utili pensati e costruiti incentivando la partecipazione, la cooperazione e realizzando una rete fra le varie zone collinari.

Al secondo posto abbiamo il gruppo l’Orto delle idee, formato da Roberta Mirabelli, Daniele Bavone, Rachele Palmeri e Giulia Ferrini, con Ascolti, Inventi, Produci. Il progetto intende valorizzare i prodotti locali, strettamente connessi al territorio, per stimolare il senso di appartenenza, la vivacità di aggregazione, e una condivisione costruttiva.

Infine, al terzo posto, si è classificato il gruppo Idee alla quinta, formato da Costanza Pardini, Daria Franceschini, Sara Nelli, Arianna Chiappi e Marco Arzilli, col progetto Time Lab, una sorta di “pozzo del tempo” che favorisca la collaborazione tra associazioni, cittadini e imprese.

Sulla base delle risorse ancora disponibili, l’Amministrazione, in collaborazione con la cooperativa Lab-Com, ha deciso di assegnare quattro borse aggiuntive da destinare ad almeno un partecipante per ciascuno dei tre progetti non finalisti sulla base del grado di frequenza e dell’impegno e partecipazione mostrato durante il percorso. I selezionati sono: Giuseppe Cardone, Alessio Flammia, Lorenzo Ghignoli e Francesca Ruggeri.

Tra i giovani che parteciperanno alla seconda fase di co-progettazione anche 4 studenti dell’ISIS Mattei che, grazie anche alla collaborazione del Prof. Tiziano Arrigoni hanno seguito il percorso con il progetto alternanza-scuola lavoro, assieme ad altri sei loro compagni: Arianna Chiappi, Giulio Meini, Fausto Mannari e Simone Barrella.

Un’esperienza resa possibile dalla collaborazione avviata tra la scuola e l’Amministrazione che ha permesso ai ragazzi di fare un’esperienza formativa che ha arricchito il loro curriculum educativo e personale: “Il progetto Spiders mi è stato molto utile - ha dichiarato una studentessa. - Adesso so cos’è un bando, conosco il coworking, so come organizzare un evento o come fare un business plan… ho capito quanta voglia c’è di cambiare la situazione in cui vivono molti giovani alla ricerca infruttuosa di un lavoro e quante idee possono nascere se collaboriamo e ci confrontiamo”.

Il porgetto Spiders è stato co-finanziato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e da Anci

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità