QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 18° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
martedì 21 novembre 2017

Attualità lunedì 06 novembre 2017 ore 16:26

"L'emodinamica serve a Cecina come a Piombino"

L'ospedale di Cecina

Un nuovo appello rivolto alla Regione Toscana e all'Azienda Usl Toscana Nord Ovest, dal Comitato salute pubblica cecinese

CECINA — "Esistono delle malattie in cui il tempo è prezioso - scrivono dal Comitato salute pubblica di Cecina -, in cui ogni minuto perso significa speranza di vita che si riduce. Per questo, la medicina moderna indica che si devono creare delle 'reti territoriali tempo-dipendenti' per permettere a tutti di accedere alle cure in modo tempestivo, garantendo così la maggiore probabilità di sopravvivenza.

Una delle reti tempo-dipendenti più delicate è quella per la cura dell’infarto. Si tratta di intervenire entro dei tempi precisi, superati i quali i benefici del trattamento si riducono quasi totalmente, ed il rischio di morte o di conseguenze invalidanti aumenta progressivamente: la sala di emodinamica, che è l’ambiente dove si fa questo tipo di intervento, deve essere raggiungibile in un tempo massimo di un’ora.

La Toscana è dotata di una serie di sale di emodinamica per la cura dell’infarto miocardico acuto, ad eccezione della zona a sud di Livorno fino a Grosseto che ne è sprovvista, seppur abitata da oltre 140.000 persone (che raddoppiano in periodo estivo).

Quest’estate abbiamo assistito al solito balletto di dichiarazioni dei vari soggetti istituzionali coinvolti (Saccardi/assessore regionale, De Lauretis/Dirigente ASL, Lippi e Giuliani/sindaci di Cecina e Piombino), risposte discordanti approdate nell’impegno da parte della Regione ad avviare uno studio di fattibilità per l’apertura del reparto di emodinamica a Piombino.

In realtà esiste già uno studio che stabilisce che in Bassa Val di Cecina si muore soprattutto per patologie cronico-degenerative come malattie cardio-vascolari, arteriosclerotiche, ictus in modo superiore rispetto al resto della Toscana, così come sono già scientificamente accertati i tempi entro i quali dover accedere alla sala emodinamica: a che serve lo studio di fattibilità?

Intanto è servito a farci attendere i risultati che dovrebbero essere resi noti a giorni e che molto probabilmente confermeranno quanto l’assessore regionale Saccardi ha già promesso questa estate e cioè che ci sono le condizioni per la realizzazione di una sala emodinamica a Piombino: sia ben chiaro ciò non significa che verrà realizzata con certezza … anche se il fatto che ci sono le elezioni tra breve indurrà molti a fare promesse da marinaio …

Se in base allo studio di fattibilità, verrà deciso che la sala si realizzerà a Piombino, il Sindaco di Cecina Lippi, che è anche il presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest, così come ha già dichiarato, sarà soddisfatto ed esiterà a raccogliere l’appello lanciato da cardiologici e comitati che richiedono da tempo che le sale di emodinamica siano due come necessario per poter salvare la vita degli abitanti sia della Val di Cecina che della Val di Cornia.

La sala di emodinamica è indispensabile sia a Piombino che a Cecina e va realizzata in entrambi gli ospedali; mentre, nel frattempo in cui le sale vengano completate, tutto il territorio coinvolto deve essere “coperto” con adeguate ambulanze dotate di tele-monitoraggio in emergenza: in questo modo i cittadini, anziché recarsi in Pronto Soccorso, potranno rivolgersi direttamente al servizio telefonico del 118 e accedere in minor tempo al miglior percorso salvavita.

I sindaci coinvolti devono schierarsi e porsi in prima linea nella difesa e miglioramento della salute collettiva, lottare insieme ai comitati e ai cittadini per ottenere che la Regione concretizzi questi fondamentale servizi!

Auspichiamo che tutte forze politiche presenti nei consigli comunali delle cittadine costiere e collinari coinvolti si attivino nell’approvare mozioni che decretano la necessità di due sale emodinamiche e di istituire più punti con ambulanze dotate di tele-monitoraggio in emergenza.

Come Comitato Salute Pubblica nei prossimi giorni continueremo ad informare la cittadinanza dei pericoli che corriamo e organizzeremo un evento per dimostrare quanto la vita di tutti noi sia sottoposta a notevole rischio per la mancanza delle sale di emodinamica necessarie!".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca