QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 18°31° 
Domani 16°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
domenica 26 giugno 2016

Attualità venerdì 02 ottobre 2015 ore 19:31

I bimbi diabetici imparano all'Expo

Si terrà a Milano il Campo scuola 2015 per bambini diabetici insulinodipendenti e le loro famiglie organizzato dall’Azienda USL 6

LIVORNO — Prenderà il via lunedì prossimo, 5 ottobre, nella prestigiosa sede dell’Expo di Milano il Campo scuola 2015 per bambini diabetici insulinodipendenti e le loro famiglie organizzato dall’Azienda USL 6. 

Il progetto si chiamerà Alimentazione: cultura e benessere. L’expo insegna… riconoscendo a questo evento "un importante messaggio educativo transculturale per un corretto stile di vita e sui mezzi per perseguirlo".

Il campo, finanziato dalla Regione Toscana, coinvolgerà oltre 40 persone tra bambini, genitori e educatori-tutor e sanitari coinvolti, tra i quali Fabrizio Gadducci, direttore UO Pediatria, Sonia Lucchesi, responsabile per la Pediatria della Diabetologia e le infermiere, Tiziana Chiti e Michela Bagnoli. Ruolo fondamentale nella organizzazione dell’evento hanno avuto, come sempre, anche le associazioni dei diabetici (Agd, Agdal e III millennio).

Il campo durerà tre giorni, ma darà grossi spunti per approfondimenti nei mesi successivi durante gli incontri in ambulatorio. Saranno in seguito sviluppati argomenti come i cereali appartenenti ad altre culture, la piramide transculturale, come educare il gusto, la spesa al KM 0 o la possibilità di coltivare in casa ciò che si mangia.

“I campi scuola – spiega Sonia Lucchesi - sono momenti di educazione ed addestramento teorico-pratici all'autogestione della malattia, organizzati in forma residenziale e in ambienti extraospedalieri. Durante questi il team diabetologico, composto da medici, infermieri, educatori, dietisti/nutrizionisti e psicologi, ha modo di vivere in stretto contatto, 24 ore su 24 con i piccoli, e quindi offre la possibilità di osservare criticità altrimenti non evidenziabili. Il bambino inoltre vede gli operatori in una veste meno sanitaria rendendo più facile un’alleanza terapeutica”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca