QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
mercoledì 13 dicembre 2017

Politica mercoledì 06 dicembre 2017 ore 09:27

Sindaco e giunta firmano la petizione

Gioisce il comitato salute pubblica di Cecina dopo che la giunta capitanata dal sindaco ha firmato la petizione per l'emodinamica

CECINA — "Nei giorni scorsi la battaglia che stiamo conducendo per ottenere l’installazione di sale di emodinamica negli ospedali di Cecina e Piombino e adeguate ambulanze ha fatto un passo avanti: il sindaco e la giunta hanno firmato la petizione lanciata idealmente dal Presidente dell’Ordine dei Medici di Livorno e promossa nella pratica dai comitati e alcune forze politiche", hanno spiegato dal comitato.

"E’ sicuramente un passo importante, incalzato dall’attivismo dei comitati, che si pone nell’ottica di superare i campanilismi espressi dalle amministrazioni di Rosignano e di Piombino e che amplia lo schieramento per ottenere ciò che serve alla popolazione e che manca.

Ribadiamo che lo studio commissionato all’ASL è funzionale a sviarci dall’obiettivo semplicemente perché è un dato oggettivo che da Livorno a Grosseto manca questo servizio indispensabile e lo dimostra lo stesso Lippi quando dice che sono anni che si batte per ottenerlo e che anzi è stato tra i primi a porre questa problematica di cui ora anche la maggior parte della cittadinanza è consapevole, sia per la campagna di informazione che stiamo conducendo o perché è stata colpita dalla malattia (direttamente o qualche familiare e conoscente) sia perché è un altro dato di fatto che in Val di Cecina la mortalità per patologie cardiovascolari è più alta del previsto.

La situazione è di emergenza e va trattata come tale, senza nascondersi dietro il paravento del ruolo istituzionale: è diventato urgente mettersi a capo di questa battaglia, non limitandosi a prese di posizioni attraverso una firma o una mozione, per poter agevolmente fare a scaricabarile su altre istituzioni, come ASL o Regione. Dopo la firma e la mozione, la mossa concreta che il sindaco può e deve fare è quella di adoperarsi insieme ai suoi concittadini per costruire una mobilitazione di consegna delle firme raccolte e di coinvolgimento di tutti gli altri sindaci e cittadini interessati anche in ragione del ruolo che riveste come presidente della Conferenza dei sindaci dell’Azienda USL Toscana nord ovest.

Siamo in un momento particolare anche perché tra poco ci saranno le elezioni e chi punta ad essere eletto deve metter da subito (già in campagna elettorale) in pratica le “promesse” e mettersi al servizio delle legittime mobilitazioni che i comitati organizzano per attuare la Costituzione: per il diritto al lavoro, alla salute, allo studio".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca