QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CECINA
Oggi 20° 
Domani 12°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cecina, Cronaca, Sport, Notizie Locali cecina
giovedì 26 aprile 2018

Attualità domenica 24 dicembre 2017 ore 16:43

I personaggi del Presepe popolano il borgo

Una passata edizione del presepe vivente di Rosignano Marittimo

Giunto alla trentesima edizione, il presepe vivente rosignanese offre la possibilità ai visitatori di indossare gli abiti dell'epoca romana



ROSIGNANO MARITTIMO — Oggi, domenica 24 dicembre, e martedì 26 dicembre torna il presepe vivente nel borgo di Rosignano Marittimo, organizzato dalla Pro Loco in collaborazione con il Comune. La manifestazione è giunta alla trentesima edizione, richiamando un pubblico che di anno in anno è attratto dalla rievocazione della nascita di Gesù nella cittadella di Betlemme duemila anni fa.

Per l’occasione il borgo medievale fa un balzo indietro nel tempo, calandosi nell’età romana: sulle vie lastricate si affacciano i fondi dove hanno sede le principali attività artigiane dell’epoca – dal fabbro al falegname, dall’arrotino all’impagliatore – che espongono oggetti e preparano alimenti tradizionali come castagne arrosto, polenta, biscotti, vino. Passeggiando per le vie si possono incontrare gli abitanti della cittadella, impersonati da circa 150 figuranti in abiti storici, intenti a svolgere le loro attività quotidiane, con gli animali e gli strumenti del tempo.

“Il presepe vivente non è importante solo per i credenti, ma anche per l’ambientazione d’epoca che trova nel borgo medievale una cornice ideale, tanto che questa è una festa storica che ogni anno richiama numerosi turisti” ha sottolineato l’assessora al turismo, commercio e cultura Licia Montagnani.

La manifestazione debutta stasera dalle ore 21 alle 23,30 e replica il 26 dalle ore 15 alle 19. Il corteo quest’anno si muove dalla piazza di San Nicola, assiste all’annuncio della nascita di Gesù e tappa dopo tappa sale per le vie del borgo fino al torrione del castello, dove all’esterno è allestita la capanna della natività con Giuseppe, Maria, e il bambino riscaldato dal bue e dall’asinello.

“E’ uno degli appuntamenti più importanti del paese – ha assicurato il presidente della Pro Loco di Rosignano Marittimo Luigi Marino – come nuovo consiglio in occasione del trentennale ci teniamo a fare ancora di più, perché riteniamo che sia giusto per i cittadini riappropriarsi della loro storia. Ci stiamo adoperando perché tutto funzioni al meglio, anche facendo rivivere personaggi del Vangelo che negli anni si erano persi, come l’arcangelo Gabriele ed Elisabetta”.

Vengono rievocate le scene principali narrate dal Vangelo: l’annuncio a Maria, l’incontro tra la Vergine e la cugina Elisabetta, il sogno di Giuseppe, l’editto di Erode, il censimento della popolazione che porta Giuseppe e Maria a Betlemme, e la scena di Erode e del sacerdote, immagine del potere terreno. Infine nella capanna si assiste alla nascita del re del mondo in assoluta povertà, mentre i Magi, che ne l’hanno riconosciuto seguendo il messaggio del cielo, gli rendono omaggio con doni preziosi.

Per accrescere la partecipazione quest’anno chi vuole immergersi nell’epoca di Gesù da protagonista può indossare i costumi dell’epoca realizzati dalle sarte del paese, presentandosi per tempo in via Cesare Battisti prima dell’avvio del corteo.

Non è tutto. Visitare il borgo illuminato a festa nei giorni di Natale è l’occasione per ammirare anche il presepe animato dentro la Chiesa dei Santi Giovanni Battista e Ilario, realizzato da Adegano Frascini, e in piazza Carducci l’albero di Natale ispirato all’ambiente e al cambiamento climatico.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità